Cerca

Sospetti maliziosi

Il "partito dentro Mediaset": due giornalisti sotto accusa, "tifano" sì?

Dentro Mediaset c'è un "partito del Sì", che occupa spazi, talk show e tg. Anche per questo, scrive la Stampa, Silvio Berlusconi ha deciso di tornare a parlare, un po' a sorpresa, e schierare Forza Italia ufficialmente per il No alla riforma costituzionale. La polemica è nota, anche perché Fedele Confalonieri non ha mai fatto mistero di essere molto preoccupato per l'eventuale caduta del governo in caso di sconfitta al referendum. Prima l'azienda e gli affari, poi la politica. E sono due i giornalisti "big" finiti nel mirino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    17 Ottobre 2016 - 10:10

    se due giornalisti di mediaset dicono di votare sì, qua si vede solo confalonieri, e allora, chi è l'altro giornalista? mediaset assume giornalisti comunisti, e se ne vanta, si sbrodola oltre il consentito per Dario Fo (comunque "parce sepulto") e a favore dei clandestini, la Mondadori espone grossi pannelli con scritto Ciao Dario,... che tristezza!

    Report

    Rispondi

  • francoruggieri

    17 Ottobre 2016 - 09:09

    Sillogismo semplice: Massimo D'Alema e Pierluigi Bersani votano "NO". D'Alema e Bersani si sono dimostrati sempre autentici cogli[CENSURA]. Conclusione: votare "SI".

    Report

    Rispondi

  • zazabumbum

    17 Ottobre 2016 - 07:07

    il vecchio sistema di berlusconi il piede in due staffe ci ha preso per il c..o per 20 anni svegliamoci.

    Report

    Rispondi

  • airbaltic

    17 Ottobre 2016 - 00:12

    la bidonata del patto del nazareno se la sono scordata. altrimenti peggio ancora hanno deciso di cambiare padrone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog