Cerca

Pericoli sulla tavola

I quindici cibi stranieri che fanno male alla salute

I quindici cibi stranieri che fanno male alla salute

La denuncia arriva da Coldiretti e riguarda una molteplicità di cibi che arrivano regolarmente sulle nostre tavole, ma hanno tutti una cosa in comune: arrivano dall'estero. Sia da Paesi cosiddetti del Terzo Mondo, sia da Paesi avanzati, ma dove le norme sono più lasche di quelle in vigore in Italia.

Come nel caso degli Stati Uniti, da dove arriva la gran parte dei pistacchi che importiamo, anche per fare i gelati: in questo caso, il "killer silenzioso" sono le aflatossine (micotossine prodotte da specie fungine appartenenti alla classe degli Ascomiceti, oppure da altre muffe, sono altamente tossiche e sono ritenute essere tra le sostanze più cancerogene esistenti), presente nei frutti secchi oltre i limiti considerati nocivi per la salute.

Ma il pericolo pubblico numero uno, per la quantità che ne viene importata in Italia, è la frutta secca turca (nocciole e mandorle sopratutto), che insieme alle arachidi cinesi hanno contenuti elevatissime di aflatossine. Al terzo posto nella classifica dei cibi stranieri da evitare ci sono le spezie dall'India (peperoncino) che contengono pesticidi oltre i limiti. Al quarto posto il pesce proveniente dalla Spagna (tonno e pesce spada sopratutto) dove sono stati riscontrati metalli pesanti in eccesso. Con la frutta secca dall'India(sopratutto semi di sesamo) si rischia la contaminazione da salmonella. Anche i pistacchi dall'Iran contengono elevate concentrazioni di aflatossine. Olive e Fragole dall'Egitto hanno pesticidi oltre i limiti. Metalli pesanti oltre i limiti ci sono nel pesce importato dal Vietnam. Pesticidi di troppo in paprika e peperoncino dall'India. Contaminazioni microbiologiche si sono riscontrate nei formaggi provenienti dalla Francia. Sostanze non autorizzate nel novel food dagli Stati Uniti. Contaminazioni microbiologiche nel pollame proveniente dalla Polonia. Broccoli e funghi dalla Cina, infine, contengono pesticidi oltre i limiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    17 Ottobre 2016 - 12:12

    Poi fanno le ricerche per il tumore. La prevenzione è l'unica arma: devono controllare cosa c'è nei cibi che ci fanno mangiare.

    Report

    Rispondi

  • Chry

    17 Ottobre 2016 - 01:01

    E tutte le coltivazioni della 'terra dei fuochi' dove li mettiamo??

    Report

    Rispondi

  • albettone

    16 Ottobre 2016 - 21:09

    Io mi chiedo come mai questa porcheria riesce ad entrare in Italia?

    Report

    Rispondi

    • Chry

      17 Ottobre 2016 - 01:01

      Chiediti cosa mangi prodotto in Italia ...

      Report

      Rispondi

  • insorgi

    16 Ottobre 2016 - 21:09

    L'Italia sta diventando un cac@toio universale.

    Report

    Rispondi

blog