Cerca

Due anni di dubbi

Omicidio Lorys: le fascette, l'incidente e il suocero, tutte le versioni di Veronica Panarello

Omicidio Lorys: le fascette, l'incidente e il suocero, tutte le versioni di Veronica Panarello

Dalla tesi dell'incidente domestico fino al dito puntato contro il suocero, vero colpevole dell'uccisione del piccolo Loris. In quasi due anni dalla morte del figlio, 8 anni, trovato senza vita il 29 novembre 2014 in un canalone nelle campagne di Santa Croce Camerina, nel ragusano, la madre Veronica Panarello ha cambiato più volte versione, e da tanti "non ricordo" è arrivata ad ammettere in parte le sue responsabilità. Per il gup di Ragusa Andrea Reale, che oggi l'ha condannata a 30 anni di carcere, è stata lei a strangolare il piccolo Loris con delle fascette elettriche al collo. Non è stata ritenuta credibile, infatti, l'ultima versione riferita da Panarello, secondo cui a uccidere il figlio sarebbe stato suo suocero con un cavo usb dopo che Loris li
avrebbe scoperti in atteggiamenti intimi. Tanto che la richiesta di Panariello di poter avere un confronto con suo suocero Andrea Stival è stata subito respinta.

"Voglio essere punita, ma per quello che ho commesso. Se ci sono responsabilità mie pagherò, ma con me deve pagare l'autore materiale del delitto, mio suocero", ha detto Veronica nelle sue ultime dichiarazioni spontanee, ribadendo la tesi che sarebbe stato il suocero a uccidere il piccolo per impedire che rivelasse l'asserita relazione tra i due. In particolare, ora la donna sostiene che il suocero era in casa con lei e che su suo ordine avrebbe legato le mani al bambino con delle fascette. Poi lei sarebbe uscita dalla stanza per rispondere a una telefonata. Al ritorno avrebbe trovato il figlio morto, strangolato dal suocero con un cavo usb grigio. Poi il corpo avvolto in un plaid sarebbe stato caricato in auto e portato nel canalone di contrada Mulino Vecchio. Ma secondo le indagini di polizia e carabinieri Andrea Stival non era nella casa di Veronica Panarello.
Dopo aver incolpato il suocero, la donna viene giudicata capace di intendere e di partecipare al processo dai periti incaricati dal Gup. Fino ad allora Panarello aveva sempre negato con forza di aver ucciso suo figlio ma ha spesso cambiato versione su
cosa è accaduto quel maledetto 29 novembre 2014. Dopo aver per mesi sostenuto di aver accompagnato il figlio a scuola, nonostante le decine di telecamere dislocate in paese non avessero registrato alcunché, da Veronica Panarello è arrivata un’altra verità. "Quella mattina il bambino io non l'ho accompagnato a scuola ma non l'ho ammazzato io. Ho un buco, mi ricordo solo questo non ti basta? Ora stammi vicino...", racconta al marito Davide Stival in un colloquio nel carcere di Agrigento.

Piano piano però vengono fuori altri pezzi di ricordi fino ad arrivare all'"incidente". "Si è strangolato mentre stava giocando in casa, da solo, con delle fascette elettriche", dice Panarello ai magistrati. Al momento della tragedia lei non c'era perché stava accompagnando a scuola il figlio più piccolo. Al ritorno a casa la tragica scoperta: a terra il corpo senza vita di Loris. Tenta invano di salvarlo, poi, convinta che nessuno le avrebbe mai creduto, scatta il panico. Da sola e senza alcun complice, decide di portare il corpo del piccolo nel canalone di contrada Mulino Vecchio e buttato lo zainetto sulla strada verso Donnafugata. Fu lei quel sabato mattina a dare l'allarme della scomparsa del bambino, in terza elementare all'istituto Falcone e Borsellino. Da subito però fornisce diverse versioni degli ultimi spostamenti con il figlio e i "buchi neri" non convincono gli investigatori. Verso le cinque del pomeriggio ogni speranza finisce: il corpo del bambino viene ritrovato in un canalone di scolo. È senza slip e con i
pantaloni slacciati. Anche se da un primo esame autoptico, sembra non avere subito abusi sessuali. La morte, secondo l'autopsia, è avvenuta per strangolamento con una fascetta di plastica. A fare ritrovare il corpicino è Orazio Fidone, 65 anni, ex impiegato dell'Enel e cacciatore per passione che come "atto dovuto" viene iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di sequestro di persona e omicidio volontario.

La versione della madre inizia a scricchiolare sempre di più con il passare dei giorni. Gli orari indicati dalla donna non combaciano con quelli delle telecamere viste e riviste dagli investigatori. Nessuna immagine di Loris viene registrata dalle
telecamere mentre la macchina di Veronica viene immortalata nella zona del Mulino vecchio. La sera dell'8 dicembre 2014 arriva la svolta: Veronica Panarello viene portata in questura e arrestata con l'accusa di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere. Per lei si aprono le porte del carcere di Catania prima e Agrigento poi. Dieci giorni dopo si svolgono i funerali del piccolo Loris , ai quali la madre non partecipa. A portare la bara bianca è il padre Davide, ormai ex marito di Veronica, autotrasportatore e oggi dipendente nel comune di Vittoria. L'unico segno della mamma, che intanto viene
pesantemente offesa dagli altri detenuti nel carcere di Catania, è una corona a forma di cuore davanti alla chiesa di San Giovanni Battista, con fiori a comporre la scritta "Loris" e un nastro bianco su cui si legge solo "mamma Veronica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • romamaccio

    17 Ottobre 2016 - 21:09

    Sono convinto che il suocero ha ucciso suo nipote, la sentenza è stata punitiva per Veronica perchè adultera,ha cercato di nascondere due volte mentendo per paura che il marito lo venisse a sapere,ma alla fine ha dovuto dire la verità.

    Report

    Rispondi

blog