Cerca

Lo schiaffo ai militari

Strage Canale di Sicilia, ufficiali di Marina indagati per omissione di soccorso

Strage Canale di Sicilia, ufficiali di Marina indagati per omissione di soccorso

Alcuni ufficiali della Marina militare risultano indagati per la strage dei profughi dell'11 ottobre 2013, quando nel naufragio di un barcone nel Canale di Sicilia morirono 268 persone, tra cui 60 bambini. La procura di Roma, scrive Il Messaggero, ha deciso di iscrivere nel registro degli indagati i vertici della centrale operativa del comando generale delle Capitanerie di porto. Secondo la Procura, quelle morti potevano essere evitate se i soccorsi fossero stati più tempestivi. L'accusa è quella di omissione di soccorso.

Secondo l'ipotesi, quel giorno, pur sapendo che la nave Libra si trovava a meno di un'ora di navigazione dal barcone dei profughi in difficoltà al largo di Lampedusa, gli ufficiali rimpallarono con Malta la responsabilità dei soccorsi: così, sempre secondo l'accusa, si sarebbero perse ore preziose, con la seguente strage. Gli ufficiali italiani, da par loro, sostengono di aver agito nell'ambito di quanto stabilito dalla Convenzione di Amburgo, che impone a ciascuno Stato la responsabilità del coordinamento delle operazioni di ricerca e soccorso in aree definite.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    25 Ottobre 2016 - 11:11

    L'accusa è quella di omissione di soccorso. E per gli italiani che per strada vengono attacati da questi clandestini armati di macete e volti coperti in manifestazioni komuniste dove gli stessi clandestini alzano la voce con armi alla mano qui in Italia e lo consentiamo cosa che non hanno fatto nella loro nazione d'origine comportandosi come codardi.Stato italiano che non protegge i cittadini ital

    Report

    Rispondi

  • CASSIODORO1

    23 Ottobre 2016 - 19:07

    Cacciare chi osa mettere sotto accusa la marina dall ITALIA farlo diventare apolide

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    23 Ottobre 2016 - 19:07

    Il capo di imputazione non e' omissione di soccorso ma, furto per mancati introiti delle coop rosse che dovevano accogliere e incassare per quei "ragazzi dell'ISIS". E questo e' molto piu' grave !!!

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    23 Ottobre 2016 - 18:06

    Cari Nostri RAGAZZI, purtroppo in Italia esiste una seta terroristica ad associazione a delinquere che è la giustizia italiana. Questa associazione a delinquere è composta da delinquenti che dovrebbero essere puniti dal popolo italiano. Questi dementi terroristi dovrebbero essere mandati a casa tutti a calci nelle palle. Bastardi andate voi a salvare quella gente invece di rompere le palleCOGLIONI

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog