Cerca

Genio nostrano

Ida Adinolfi, con la sua insalata guadagna 4,5 milioni da McDonald's

Ida Adinolfi

In un paese dove i giovani fanno fatica a trovare lavoro - e quando lo trovano riescono a malapena a mantenersi - a volte esistono delle fantastiche eccezioni. È il caso di Ida Adinolfi – titolare dell’azienda agricola Adinolfi, operante in quella che tecnicamente viene definita filiera dell’insalata, con la sede operativa a Battipaglia - è la più giovane tra i venti agricoltori selezionati lo scorso anno da McDonald’s nell'ambito dell’iniziativa "Fattore Futuro Progetto Giovani Agricoltori".  

Il  progetto - che ha raccolto più di 130 candidature - era rivolto ad imprenditori agricoli con meno di 40 anni e con un’idea incentrata sull'innovazione e la sostenibilità ambientale. "L’obiettivo principale di tutto il gruppo di lavoro che mi affianca - spiega al Mattino la giovanissima imprenditrice - è la qualità del prodotto che si persegue con una costante ricerca in termini di innovazione e con il controllo di tutto il processo produttivo". Ma non è l'unica soddisfazione ottenuta da Ida perché è riuscita ad ottenere, grazie alla sua insalata, uno stipendio da 1,5 milioni di euro annui (per un contratto di tre anni, per un totale di 4,5 milioni).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    24 Ottobre 2016 - 16:04

    #etano Il guadagno viene demonizzato specialmente quando viene da lavoro in proprio, non da dipendente ed è questo il caso.

    Report

    Rispondi

  • etano

    24 Ottobre 2016 - 15:03

    Evviva la gioventù sana che vuol lavorare e che si sacrifica gestendo con senso di maturità e responsabilità un'azienda magari già di famiglia. E se percepisce uno stipendio così elevato significa che ciò che gestisce e propone lo merita. Certo che i parassiti di sinistra cercheranno ogni possibile trucco nell'articolo perché per loro il lavoro onesto ancorché ben retribuito è un sacrilegio.

    Report

    Rispondi

  • maxmado69

    24 Ottobre 2016 - 14:02

    Io sarei andato molto cauto nel mettere la cifra e soprattutto nome e foto di questa giovanissima imprenditrice: per cifre ben minori di queste c'è gente che farebbe di tutto, non si sa mai che per colpa di voi media la "poveretta" sarà costretta a prendere una scorta.

    Report

    Rispondi

blog