Cerca

Panico al mercato

Guastalla, esplode furgone rosticceria
Tre morti, almeno 4 feriti

Eplose le bombole di gas che permettevano la cottura del cibo all'interno del mezzo

Guastalla, esplode furgone rosticceria
Tre morti, almeno 4 feriti

Tre persone sono morte in seguito all’esplosione di un furgone al mercato di Guastalla, in provincia di Reggio Emilia. Le tre donne si trovavano all'interno del furgone e sarebebro legate tra di loro da legami di parentela. Altre 11 persone, tra cui il marito di una delle vittime, sarebbero rimaste ferite. Due di queste sarebbero in grave condizoni. Sul posto i carabinieri e il 118. Ancora pochissime le notizie, ma pare che l' incendio all'interno del furgone adibito a rosticceria ambulante abbia fatto esplodere le bombole di gas che permettevano la cottura del cibo all'interno del mezzo. L'esplosione avrebbe coinvolto anche un vicino banco d'abbigliamento.

Le reazioni - Sulla vicenda interviene il Sindaco della località emiliana, Giorgio Benaglia, che definito l'incidente "una tragedia": “Una famiglia di lavoratori onesta andata distrutta. Avevano delle bombole di gas che usavano per alimentare il forno per la rosticceria, una vampata di fiamma e poi… Quando sono arrivato c’era ancora il fumo che saliva”. Racconta un giornalista locale a Sky Tg24: "L'esplosione si è verificata verso le 12.15 e ha scosso tutto il paese. Sembrava l'esplosione di un'autobomba, la piazza è tutta bruciata", conclude.

Le vittime -  Sono state identificate le tre donne morte nell'esplosione. Si tratta di Teresa Montagna, 49 anni, moglie del titolare, Francesco Mango, che e’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Parma, la loro figlia, Rossana Mango, 27, e la sorella della 49enne, Bianca Maria Montagna, 43.

 

Guarda le immagini della tragedia

Guarda il video dell'incidente

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    10 Marzo 2013 - 13:01

    quando c'è da fare la festa del patrono di una città,o una qualsiasi festa religiosa in cui il comitato organizzatore decide di organizzare uno stand gastronomico per guadagnare,bisogna rispettare tutti i crismi,compreso il locale di cottura,che deve essere isolato dal terreno!poi,si dimentica ciò che accade tutti i giorni..!

    Report

    Rispondi

  • puntocomando

    09 Marzo 2013 - 14:02

    prima o dopo doveva capitare,non capisco quei cazzoni che predicano sivurezza nei cantieri e poi vai in giro per i mercati,sicurezza zero,in qualsiasi evento ci devono essere i vigili del fuoco e un'ambulanza sempre presente,poi i vigili,controllano se hanno pagato il plateatico,su tutto il resto zero,anche perchè sono totalmente impreparati.

    Report

    Rispondi

blog