Cerca

La sentenza

Sesso nel confessionale, assolti: "Non è atto osceno in luogo pubblico"

Sesso nel confessionale, assolti: "Non è atto osceno in luogo pubblico"

Chi fa sesso in un confessionale non commette reato. Si è pronunciata così corte d'appello di Bologna, che ha prosciolto una coppia dal reato di atti osceni in luogo pubblico, condannata in primo grado per aver avuto un rapporto sessuale all'interno di un confessionale del Duomo di Cesena

Denunciati per atti osceni in luogo pubblico, i due giovani furono condannati in primo grado a tre mesi di reclusione. La vicenda scosse la comunità religiosa, e nel Duomo venne fatta una messa di riparazione. Nel frattempo, il difensore dei due ragazzi decise di far valere una diversa interpretazione dei fatti davanti alla legge e ora, con la sentenza della corte, è riuscito a scagionare i suoi clienti.

"Ho sostenuto che il confessionale, non essendo un luogo esposto al pubblico, ma nel quale viene esercitato il sacramento della confessione, è per sua natura un luogo chiuso e non visibile. Quindi abbiamo cercato di dimostrare che non era possibile far valere l'accusa di atti osceni in luogo pubblico perché il luogo è privato"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • heinreich

    25 Ottobre 2016 - 14:02

    sai che novità , i confessionali da sempre sono stati usati dai preti per fare sesso.

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    25 Ottobre 2016 - 14:02

    ma allora si può fare anche sopra l'altare, mica è un luogo pubblico, sempre privato è!

    Report

    Rispondi

  • oenne

    25 Ottobre 2016 - 13:01

    gli arabi vi sottereranno

    Report

    Rispondi

blog