Cerca

L'attore di Gomorra

al matrimonio del boss

L'attore di Gomorra
Ciro Petrone, l'attore reso celebre da 'Gomorra', si è trovato di nuovo alle prese con scene da film di malavita. Due pregiudicati, i cugini Salvatore e Luigi Prinno, di 25 e 22 anni, affiliati all’omonimo gruppo camorristico attivo nel centro storico di Napoli e schierato a fianco del clan dei Sarno, sono stati arrestati a Trecase, nella zona vesuviana, durante il ricevimento per il matrimonio del fratello di Salvatore. E tra gli oltre cento invitati al banchetto identificati dai carabinieri c'era anche lui, l'attore appena tornato in Italia dal reality show «La Fattoria» e divenuto famoso grazie al successo ottenuto dal film 'Gomorra' dove nel ruolo di ‘Pisellino’, un aspirante camorrista, rampante e pronto a tutto pur di diventare un boss in stile Scarface sfidando i clan storici del casertano. Neutralizzata una "sentinella" con radiotrasmittente vicina all'ingresso del locale pubblico, i carabinieri hanno bloccato Salvatore Prinno mentre cercava di allontanarsi. Era armato di una pistola calibro 9; una seconda pistola semiautomatica è stata trovata, pronta all'uso, vicino alla consolle per i musicisti.
L'influenza della famiglia, tuttavia, dopo l'alleanza con i Sarno, si è estesa anche nei quartieri spagnoli. Secondo gli investigatori, infatti, al ricevimento erano presenti esponenti di quasi tutti i gruppi della camorra vicini al clan Sarno che, negli ultimi tempi, è riuscito a federare una serie di fazioni della criminalità organizzata attive nella maggior parte dei quartieri di Napoli e dei comuni della provincia. I carabinieri sono ora impegnati in indagini per accertare se esponenti della famiglia della sposa, Mena Picco siano anch'essi legati a clan della camorra. La famiglia Prinno è attiva in particolare nella zona della Rua Catalana, a Napoli. Nel corso di successiva perquisizione a casa di Luigi Prinno, sorpreso in un ristorante attiguo dove si era rifugiato per sfuggire ai militari sono state trovate altre due pistole, tenute in una cassaforte. Al ricevimento i carabinieri hanno identificato diverse persone ritenute vicine al clan Sarno, nonché alcuni personaggi minori del mondo dello spettacolo tra cui lo stesso Petrone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog