Cerca

Gli 007 in allarme

"Guerra civile in Italia, rivolta in piazza": golpe Putin, così ci getta nel caos

"Guerra civile in Italia, rivolta in piazza": golpe Putin, così ci getta nel caos

Nel mirino degli hacker russi stavolta ci sono l'Italia e Matteo Renzi. La storia, ripresa dalla Stampa, è inquietante e sembra uscita da un film di spionaggio internazionale. Sabato scorso Russia Today (RT), potentissimo network russo in lingua inglese pagato dal governo di Vladimir Putin, ha mandato online un servizio sulla manifestazione del Pd in piazza del Popolo a Roma. Il titolo e il testo, però, ribaltavano la realtà: "Migliaia di cittadini hanno protestato per le strade di Roma contro il primo ministro italiano Matteo Renzi, che ha lanciato un referendum sulla riforma costituzionale, che si terrà il 4 dicembre. La gente ha paura che le riforme, mirate a smantellare il Senato, porteranno più potere nelle mani del presidente del Consiglio". E su Facebook il lancio della diretta era questo: "Proteste in Italia contro il premier italiano". Notizia vera (in parte) piazzata su un evento di senso opposto. Svarione o complotto?

Gli attivisti 5 Stelle, nel dubbio, hanno iniziato a condividere il video e l'articolo sui social in maniera massiccia, facendolo diventare virale. Ma per RT non è stata la prima volta. Già il 22 ottobre, ricorda ancora la Stampa, il network russo aveva enfatizzato a dismisura una manifestazione dei sindacati contro il Jobs Act. "Italia in rivolta", era lo strillo drammatico, con tanto di "scene da guerra civile" di cui pochi in Italia si erano accorti. E qui arriva il risvolto da spy-story: secondo Andrew Parker, capo del M15, il servizio segreto britannico, "la Russia sta portando avanti una politica estera con modi sempre più aggressivi" con ricorso "alla propaganda, allo spionaggio, a sovvertire l'ordine costituito, e ai cyber-attacchi". Il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maizière ha denunciato a Sky "gli attacchi su Internet specialmente di provenienza dalla Russia", "organizzati a livello statale", attraverso "algoritmi, macchine che moltiplicano all'ennesima potenza la loro influenza". Accade in Germania, starebbe succedendo anche in Italia, dove siti filo-grillini o parte dell'universo Casaleggio come Sputnik Italia e Tze Tze manifestano quasi quotidianamente le loro simpatie per lo Zar Putin. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    26 Novembre 2016 - 15:03

    Avrà analizzato la situazione in cui ci troviamo,l'esasperazione dei cittadini,il malessere,la rabbia repressa pronta ad esplodere incontenibile,il senso di rassegnazione di una buona parte del popolo italiano.In base a questo avrà espresso un suo parere frutto non di conclusioni personali,ma logiche.Come dargli torto?Temo che Putin in questo sia stato lungimirante.Possiamo andare avanti così ?

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    05 Novembre 2016 - 19:07

    ...ma figuriamoci se PUTIN perde tempo per la nostra ITALIETTA::HA ALTRO DA FARE...!!!

    Report

    Rispondi

  • antonimo

    04 Novembre 2016 - 11:11

    Se lo dice lo spionaggio inglese MI5, allora possiamo stare certi che è una bufala.

    Report

    Rispondi

blog