Cerca

Disperazione

Aveva perso tutto per il terremoto: pensionato si spara

Aveva perso tutto per il terremoto: pensionato si spara

Nello era rimasto senza casa. Davanti a sè solo un futuro da sfollato. Una prospettiva inaccettabile, insopportabile, e da lì la decisione di togliersi la vita.

Nello Ramadori, il 75enne di Montappone, un paesino delle Marche in provincia di Fermo,  si è sparato un colpo di fucile nel cortile della sua abitazione, resa inagibile dalle continue scosse telluriche. La tragedia, raccontata da Il Giorno,  si è consumata intorno alle nove di mattina, quando l' uomo, dopo essersi svegliato e aver lasciato la stanza dell' albergo, in cui alloggiava temporaneamente a causa dell' emergenza sisma, si è recato in quella che era una volta la sua casa. Qui ha incontrato un cacciatore che conosceva e ha fatto quattro chiacchiere con lui. Lui, Angelo Cecchi, racconta: "Era tranquillo e non sembrava affatto teso o sconvolto. Abbiamo parlato del più e del meno e anche del terremoto. Quando abbiamo affrontato questo tema, però, ha cambiato espressione. Poi ci siamo salutati e poco dopo ho sentito uno sparo". 

I concittadini hanno raccontato poi che il 75enne era molto turbato dal fatto che la sua casa fosse stata dichiarata inagibile a causa della scossa della scorsa settimana. Non avrebbe retto allo stress di essere uno sfollato. Dopo che la sua casa dichiarata inagibile, era stato trasferito in un albergo insieme a altri senzatetto del paese. Viveva da solo, non si era mai sposato, aveva perso il fratello e l' unico parente che gli era rimasto era una sorella residente a Falerone, altro paese terremotato a pochi chilometri da Montappone. Alcuni conoscenti raccontano che dormiva davvero poco negli ultimi giorni ed era molto provato dalla situazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    03 Novembre 2016 - 16:04

    quindi non è vero che non c'è nessun morto in questi ultimi terremoti

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    03 Novembre 2016 - 13:01

    A quell'età si è molto fragili. E pensare che molti non si formano una famiglia, quando saranno vecchi saranno soli. E' vero però che prima o poi si rimane soli lo stesso.

    Report

    Rispondi

blog