Cerca

Suicida

Tiziana Cantone, giallo nel giallo: qualcuno ha pagato per rimuovere il video

Tiziana Cantone, giallo nel giallo: qualcuno ha pagato per rimuovere il video

Qualcuno ha sborsato soldi, molti soldi, per rimuovere dal web il video hard di Tiziana Cantone, la ragazza che si è suicidata dopo che il mondo ha messo gli occhi sulla sua intimità. Costui lo ha fatto dopo il 13 settembre, dopo il gesto estremo della 31enne di Mugnano.

Come riporta Il Mattino di Napoli, poche settimane dopo la morte della ragazza qualcuno ha fatto di tutto per portare a termine la missione (impossibile) di fare piazza pulita in rete dei sei video hot che la ritraevano durante un atto di fellatio. L'operazione era fallita nonostante fossero stati spesi dei soldi. Anzi, in rete si sono moltiplicati i link illegali a siti per adulti dove si poteva vedere Tiziana durante il sesso. 

Sia i pm di Napoli che di Napoli Nord puntano a risolvere una sorta di giallo. Intanto, torna a raccontare la sua versione la mamma della ragazza scomparsa lo scorso 13 settembre, nel corso di una serie di interviste. "Non è stata mia figlia Tiziana a divulgare in rete i video", dice Maria Teresa Giglio, che accusa il convivente della ragazza. Difeso dal penalista Bruno Larosa, il fidanzato di Tiziana si è sempre detto disponibile a farsi ascoltare dai pm, rimanendo in questi mesi in stretto silenzio, evidentemente sconvolto per la tragica fine della ragazza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    07 Novembre 2016 - 19:07

    Addirittura sei? Sono sempre più perplesso...

    Report

    Rispondi

blog