Cerca

Tira e molla

Ruby, sì al legittimo impedimento per Berlusconi

I giudici della quarta sezione penale di Milano: "Scompenso pressorio, il Cav ha impedimento assoluto". Processo rinviato

Silvio Berlusconi e Ilda Boccassini visti da Benny

Silvio Berlusconi e Ilda Boccassini visti da Benny

I giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano hanno accolto la richiesta di legittimo impedimento assoluto presentata dalla difesa di Silvio Berlusconi nel proceeso Ruby. Secondo i giudici, in base al certificato redatto dai medici fiscali, Berlusconi soffre di uno "scompenso pressorio" e ha quindi un impedimento assoluto a partecipare all’udienza. Il processo è stato quindi rinviato. L'ennesimo colpo di scena in un weekend che di ribaltoni e paraddosi ne ha registrati tanti. Il leader del Pdl è da venerdì ricoverato al San Raffaele per una uveite che, nella giornata di domenica, ha portato a problemi di pressione. I medici personali e dell'istituto hanno sempre ribadito la necessità di tenere il paziente ricoverato in via precauzionale, scontrandosi con le richieste dei pm milanesi. Prima quelli del processo in primo grado sul Rubygate, guidati da Ilda Boccassini, quindi quelli del processo d'Appello sul caso Mediaset. Entrambe le accuse hanno chiesto la visita fiscale in ospedale (l'ultima proprio oggi, nell'udienza di lunedì mattina del sexgate), non "fidandosi" delle motivazioni addotte dalla difesa di Berlusconi che aveva chiesto il legittimo impedimento per tutte e due le udienze. E mentre nel processo Mediaset il legittimo impedimento non è stato riconosciuto, per il processo Ruby sì. Stranezze della giustizia italiana. 

Giornata convulsa - Per l'ex premier si trattava della seconda visita fiscale nel giro di tre giorni. Nel processo Ruby, dove il Cav risponde di concussione e prostituzione minorile, i difensori avevano chiesto il legittimo impedimento sulla base di tre certificati medici, uno dei quali redatto da un cardiologo. Non solo, ma gli avvocati Niccolò Ghedini e Piero Longo avevano presentato anche un legittimo impedimento per loro stessi per partecipare alla riunione del Pdl fissata in mattinata a Milano, alla presenza del segretario Angelino Alfano, per discutere, tra l'altro, del voto alle recenti elezioni, della nomina dei capigruppo alla Camera e al Senato e delle commissioni parlamentari. Impegno che ha obbligato i due penalisti, entrambi deputati, ad abbandonare l'aula senza attendere il parere del tribunale che, poco dopo, richiamandosi anche al principio costituzionale della "ragionevole durata del processo" che fa "prevalere la necessità di una celere trattazione" del dibattimento, hanno ritenuto che la riunione Pdl avesse "natura squisitamente politica" e non istituzionale. Riunione che, dalla sede della Camera di Commercio dove era stata fissata, si è 'spostata' al palazzo di giustizia per protestare contro le ultime inchieste giudiziarie che hanno colpito Berlusconi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    12 Marzo 2013 - 10:10

    "Solo a dirlo: «Berlusconi è magnaccia e per lo più di minorenne» fa ribrezzo. Anche se fosse vero, per pudore e ritegno nazionale si dovrebbe stare zitti."? cioè se fosse vero che un ex pdc è un delinquente, un puttaniere, una persona ricattabile per le frequentazioni che ha bisognerebbe stare zitti perché sputtanerebbe il Paese? non è il comportamento dell'ex pdc delinquente, puttaniere e riccattabile proprio per le sue frequentazioni e i suoi comportamenti che SPUTTANA IL PAESE? sei un povero COGLIONE!

    Report

    Rispondi

  • Renatino1900

    12 Marzo 2013 - 10:10

    "chiediti se un processo per un normale recupero crediti può durare 8 - 10 anni, " e il tuo nano preferito cosa ha fatto per sveltire i processi civili? nulla. anzi voleva introdurre la prescrizione anche per quelli, e sai il perché? per salvarsi anche dai processi civili.

    Report

    Rispondi

  • frank-rm

    12 Marzo 2013 - 08:08

    La visita fiscale andrebbe inviata ogni giorno per accertare che Berlusconi sia ancora ricoverato. Il rischio di fuga per non presiedere ai processi è un rischio reale. Il "combattente" si trasformato in coniglio?

    Report

    Rispondi

  • ramon21121

    12 Marzo 2013 - 07:07

    Ecco ci risiamo, come la Bocassini e Company, ora nel eliminare un avversario politico, si avventano come avvoltoi su chi fino ad'ora, ha tentato di responsabilizzare tutta la classe Giuridica, PM,Magistrati,Giudici,Gup eccetera, a lle dovute responsabilita civili per chi manda in carcere chi magari, non doveva andare o chi ha un colore diverso, un giorno pero vedremo cavalcare la savana Giuridica, contro chi sostiene per ovvie raggioni, un giustizialismo fanatico e eversivo per tutta la popolazione Italiana. Viva Silvio e viva chi lo sostiene

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog