Cerca

L'agguato a casa

Modena, aggredito con l'acido il cardiologo Tondi: "Aveva testimoniato contro la corruzione tra i medici"

Modena, aggredito con l'acido il cardiologo Tondi: "Aveva testimoniato contro la corruzione tra i medici"

I carabinieri e la Procura di Modena, diretta dal pm Lucia Musti, indagano sull'aggressione con l'acido al primario modenese Stefano Tondi e al figlio Michele. "Le indagini - spiega ad AdnKronos il pm -  al momento, procedono a 360 gradi, contro ignoti, con l'ipotesi di reato di lesioni gravissime". "Dagli accertamenti sulla vittima è emerso - prosegue Musti - che Tondi è stato testimone, il 25 giugno scorso, al processo per episodi di corruzione" che ha visto coinvolta la cardiologia modenese, ancora in corso. "Non significa - avverte il magistrato - che l'aggressione sia necessariamente legata a questo fatto". Tondi è stato sentito dai carabinieri del Reparto Operativo del comando provinciale di Modena. "Si tratta di un episodio gravissimo e terrificante. Dobbiamo fare in fretta", commenta ancora il pm Musti.

Gli inquirenti sono arrivati ad una prima ricostruzione della vicenda. L'uomo, dopo le nove di giovedì sera, arrivava dal garage della sua abitazione a Vignola, dove aveva parcheggiato l'auto dopo una serata fuori casa. Davanti alla sua abitazione, però, lo aspettava un uomo che gli ha sparato addosso con un fucile giocattolo caricato, sembrerebbe dai primi accertamenti, con soda caustica, colpendolo al volto. Tondi ha urlato chiedendo aiuto. Le sue grida sono state udite dal figlio che è sceso in strada a soccorrerlo ed è stato raggiunto da alcuni schizzi del liquido sparato dall'aggressore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    13 Novembre 2016 - 09:09

    A parte il deplorevole episodio occorso al medico,ma a me piacerebbe sapere che cazzo di giri c'erano tra medici.....

    Report

    Rispondi

  • liberoèmeglio

    12 Novembre 2016 - 14:02

    Vigliacchi!! altro che lesioni personali per questa gente ci vuole ben altra imputazione speriamo il legislatore si accorga che la moda di attaccare con queste sostanze sta dilagando troppo e sarebbe ora di punirle molto severamente.. codardi era pure con suo figlio speriamo li prendano

    Report

    Rispondi

blog