Cerca

Il caso a Pordenone

Sfregio della musulmana, non si toglie il velo
Il giudice non perdona: condanna esemplare

Sfregio della musulmana, non si toglie il veloIl giudice non perdona: condanna esemplare

Giù il velo! Questo il dispositivo della sentenza emessa dal tribunale di Pordenone nei confronti di una donna musulmana che si era presentata al Consiglio di comunale di San Vito al Tagliamento coperta dal niqab. In quell'occasione la donna era stata allontanata dall' aula del Comune, perché si era rifiutata di togliere il copricapo che lasciava intravedere solo gli occhi. Una volta rilasciate le generalità alla polizia municipale la stessa era tornata nuovamente in aula, chiedendo anche la parola. Il Sindaco Di Bisceglie del Pd, contrariato dalla presenza e dall' impertinenza della donna albanese che voleva assistere al Consiglio in quanto uno dei figli era stato eletto, a quel punto decise d' interrompere la seduta. Da lì denuncia e il processo.

Finalmente un tribunale prende una posizione netta e decisa su una questione troppo spesso oggetto di ondeggiamenti da parte dei nostri magistrati. La tolleranza dimostrata dalla giurisprudenza nei confronti di queste situazioni ha portato all' estrema conseguenza che una persona a viso coperto esiga di partecipare a una seduta pubblica. Questi signori ostentano le loro usanze, infischiandosene delle nostre. Pretendono rispetto, ma non ne hanno. Arrivano al punto d' imporci veli, turbanti e Allah senza considerare che da queste parti siamo cresciuti a Dio, patria e famiglia. L' atteggiamento dei tribunali è sempre stato un pilatesco "porgi l' altra guancia", ma il Gip dott. Alberto Rossi la pensa diversamente con nostro sommo apprezzamento e ha condannato la musulmana a 4 mesi di reclusione e 600 euro di multa pena convertita in 30.600 mila euro di ammenda.

Scrive il giudice che la donna è stata condannata per violazione dell' art. 5 Legge 22/5/1975 (Reale): «È vietato l' uso di caschi protettivi o di qualunque altro mezzo atto a rendere difficoltoso il riconoscimento della persona in luogo pubblico o aperto al pubblico senza giustificato motivo». Sonora e giusta sanzione penale da parte di uno stato laico senza alcun riferimento a significati religiosi, perché se sotto il copricapo si nasconda un terrorista o la più pia delle signore non è affare che compete alla nostra magistratura. Le leggi ci sono e basterebbe applicarle invece di creare alibi fantaprocessuali che favoriscano quotidianamente un' integrazione delirante e sprezzante del nostro buoncostume. Quindi, amiche musulmane, via il velo, perché in Italia la legge lo vieta e a Pordenone lo sanziona pure pesantemente.

di Matteo Mion

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Delta16

    Delta16

    13 Novembre 2016 - 13:01

    Io l'avrei condannata au una settimana di "gogna", nuda esposta sulla pubblica piazza.

    Report

    Rispondi

  • leo63

    13 Novembre 2016 - 11:11

    bene! e ora di salvaguardare la nostra cultura, la nostra democrazia e tutto ciò per cui noi, i nostri padri, nonni hanno lottato e combattuto. chi non si adegua alle nostre leggi, può benissimo tornare nei propri paesi.

    Report

    Rispondi

  • antcarboni

    12 Novembre 2016 - 19:07

    C'è finalmente un giudice a Berlino.

    Report

    Rispondi

  • direttoreemilio

    12 Novembre 2016 - 18:06

    questa notizia mi rallegra la giornata, fai che ci siano centinaia di magistrati come questo e che tirino fuori le palle.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog