Cerca

inchiesta

Il gasdotto passa nelle zone sismiche:

Gasdotto  passa nelle zone sismiche: è subito polemica

Perché si deve passare proprio dagli Appennini centrali, la zona più sismica d'Italia, quando esiste già un canale lungo la costa? Non si può scegliere un percorso alternativo? Sono queste le domande che affliggono i preoccupati cittadini che si trovano nelle zone interessate dagli ultimi terremoti. Proprio in quelle zone infatti la Snam ha deciso di progettare il gasdotto, opera monumentale da 3,8 miliardi di investimenti (almeno fino al 2020): si tratta di un tubo di un metro e venti di diametro, piena di gas, a 75 atmosfere.

Come ricorda anche il Fatto quotidiano, nonostante le proteste dei cittadini e il no della Camera dei deputati nel 2011 i lavori vanno ancora avanti. La "Rete Adriatica" è suddivisa in 5 lotti (da Massafra a Minerbio): tre quinti dell'opera sono già belli che finiti e avviati, in fase di costruzione invece rimane il lotto centrale da Sulmona a Foligno, il tratto più delicato, proprio nell'Italia dei terremoti.

Snam assicura che non c'è assolutamente pericolo: "Nel corso dei maggiori eventi sismici accaduti in Italia negli ultimi quarant'anni non si sono registrati incidenti sui gasdotti in funzione; il Ministro dello Sviluppo Economico da ulteriori garanzie: "“L’opera è stata progettata con un’attenta analisi della sismicità, come riportato nello studio di impatto ambientale del ministero dell’Ambiente”. Moli cittadini però continuano comunque a pensare che la soluzione migliore sia utilizzare un percorso alternativo, già esistente, che passa sulla costa o semplicemente cambiare tracciato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lupoclauss

    15 Novembre 2016 - 18:06

    Ci sono anche le strade, le case, le scuole, gli acquedotti, le fogne, gli elettrodotti, gli alberi, i monti, le campagne, i serbatoi idrici ... È normale e logico che dove esistono insediamenti umani, popoli e nazioni ci sono infrastrutture e terremoti, maremoti, venti, piogge, alluvioni,fiumi, laghi, mari ecc.

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    15 Novembre 2016 - 15:03

    bisogna farlo li per avere i feriti, con il prossimo terremoto non ci saranno feriti, assicurato.

    Report

    Rispondi

blog