Cerca

Il giallo

Trovato un cadavere sulla nave Tirrenia: è il corpo della tedesca Imelda Belchstein?

Trovato un cadavere sulla nave Tirrenia: è il corpo della tedesca Imelda Belchstein?

È avvolto nel mistero il caso di Imelda Belchstein, turista tedesca di Monaco di 74 anni. Lo scorso 30 ottobre era stata denunciata la sua scomparsa, avvenuta mentre era di ritorno dalle vacanze con il marito sulla Sharden, una nave della flotta Tirrenia. E a distanza di due settimane dalla scomparsa, il corpo di una signora (tutto fa pensare che si tratti della turista, in attesa delle conferme scientifiche), è stato ritrovato nella sala motori della stessa nave. 

L'allarme in seguito alla scomparsa era stato lanciato dal marito alle 4 del mattino, quando, dopo essersi svegliato, si era reso conto che la moglie si era allontanata dalla poltroncina su cui dormiva. La Sharden si è subito mobilitata, facendo marcia indietro, provando a cercare la scomparsa nel mare, ma le ricerche si sono rivelate inutili. Il marito, dopo la denuncia, si è subito mostrato dubbioso sulle ipotesi degli inquirenti, secondo cui sua moglie si sarebbe suicidata. La moglie, ha spiegato, non avrebbe avuto motivi per farlo e non aveva mai sofferto di depressione.

Giorni dopo, come detto, un cadavere è stato trovato in punto assolutamente inaccessibile ai passeggeri: in una zona remota della stiva, incastrata tra due paratie che conducono all'ispezione dell'elica. Un ritrovamento che rende il mistero sempre più fitto: il cadavere non mostra segni di violenza. Cosa ci faceva, dunque, la donna in quel punto della nave, inaccessibile ai più? È stata uccisa? Perché è morta? Il sospetto, inoltre, è che la signora abbia patito una lunga agonia, incastrata nella sala motori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kidwiller

    16 Novembre 2016 - 17:05

    Questo dimostra che le ricerche a bordo della nave sono state fatte in modo troppo superficiale e da incompetenti. Essere in un luogo non accessibile ai più non significa non poterci arrivare. Poveri noi in che mani siamo.

    Report

    Rispondi

blog