Cerca

Ancora la giustizia

Erika e Omar, Favaro condannato a quattro mesi per lesioni personali contro un giornalista

Erika e Omar, Favaro condannato a quattro mesi per lesioni personali contro un giornalista

Condanna a quattro mesi per Omar Favaro, e a sei per il papà Maurizio, per lesioni personali ai danni di un giornalista milanese che aveva provato a intervistarlo in un bar di Acqui Terme (Alessandria). Omar è tristemente già noto alle cronache perché appena 16enne uccise con la fidanzatina Erika De Nardo la madre e il fratellino di quest'ultima (Susanna Cassini e Gianluca). Il giovane ha scontato una condanna a 14 anni per l'omicidio. Sia Omar che il papà, comunque, sono stati assolti dall'accusa di violenza privata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francori2012

    18 Novembre 2016 - 18:06

    Immagino che,dopo tante vicissitudini,questa gente sia stata "Presa per i capelli",da un giornalista stupido,come capita spesso,che non li lasciava in pace.Ad un certo punto hanno reagito,non potendone più.Per me hanno fatto bene.Certe cose non sono come un'intervista "Rubata ad un divo". Francori2012

    Report

    Rispondi

  • ulanbator10

    18 Novembre 2016 - 12:12

    Li proporrei per un premio, ( padre e figlio )perché menare un giornalista indesiderato che non voglia sloggiare su invito, è piu' che giusto toglierselo dalle scatole menandolo. Ma il giudice non puo' capire un normale diritto leso di un povero cristo, si preoccupa per qualche sberla volata sul muso dell'intruso. E fare il riferimento al delitto del di 20 anni fa è spregevole per un giornaletto

    Report

    Rispondi

  • er sola

    18 Novembre 2016 - 10:10

    Invece quella stronza che ha dato 120 coltellate al fratellino solo privilegi?

    Report

    Rispondi

    • filen

      filen

      18 Novembre 2016 - 13:01

      Ma perché questo personaggio è già fuori? Pensavo gli avessero dato l ergastolo

      Report

      Rispondi

blog