Cerca

La clamorosa tesi di mister Gomorra

Roberto Saviano, dubbi sulla colpevolezza di Bossetti: "Perché non hanno indagato in quella direzione?"

Massimo Bossetti e Roberto Saviano

Anche Roberto Saviano mostra di avere dei dubbi sulla colpevolezza di Massimo Bossetti, l'uomo condannato in primo grado all'ergastolo per l'omicidio di Yara Gambirasio. A sorpresa, rivela i suoi sospetti in un'intervista al settimanale Oggi. "Il padre di Yara - spiega - ha lavorato per la Lopav, un’azienda di proprietà dei figli di Pasquale Locatelli, superboss del narcotraffico, che aveva anche un appalto nel cantiere di Mapello. Inoltre, alla festa della Lopav parteciparono tre magistrati della procura di Bergamo". Dopo la premessa, le parole pesantissime: "Mi sembra inquietante che non si sia indagato in quella direzione. Anche perché tutti e tre i cani molecolari usati nelle indagini, sono andati tutti dalla palestra in cui si allenava Yara al cantiere. Spero che in Appello si approfondiscano queste piste", conclude Saviano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bozzicolonna

    25 Novembre 2016 - 10:10

    a me saviano sta sulle palle MA stupido non è... vive alla grande in quell'ambiente li'...é inquietante la polizia!!!!

    Report

    Rispondi

  • Ben Frank

    Ben Frank

    24 Novembre 2016 - 07:07

    Vuoi vedere che il signor Saviano, per una volta, ne ha imbroccata una giusta?

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    23 Novembre 2016 - 18:06

    Con la giustizia in Italia non puoi essere sicuro di nulla. Io Vi do un "Giudizio Epidermico". Il fatto che vuole sembrare giovane(e abbronzato),non depone a suo favore. Calma gente,ho detto "Un giudizio Epidermico". Francori2012

    Report

    Rispondi

  • claudia42

    23 Novembre 2016 - 16:04

    Ci sarebbe da meravigliarsi se la magistratura e la giustizia in generale avessero commesso un errore, vuoi per leggerezza o per incapacità? Non sarebbe certo la prima volta. Vedi caso Tortora, per citare il più conosciuto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog