Cerca

Ma quale crescita?

Imprese, lo Stato ha 150 miliardi di debiti. Napolitano: "Si sblocchino i pagamenti"

Indagine choc: nel 2010 i debiti commerciali degli Enti locali con i fornitori erano di 136 miliardi. Il Colle: "Indispensabile sollevare le aziende da questa crisi"

Imprese, lo Stato ha 150 miliardi di debiti. Napolitano: "Si sblocchino i pagamenti"

Lo Stato italiano ha nei confronti delle imprese un debito reale lordo di 150 miliardi, il 10% del Pil. Il dato choc, riportato dal Corriere della Sera, emerge da uno studio di Emanuele Padovani, professore di Public Management all'Università di Bologna, per conto del gruppo di consulenza Van Dijk: per l'esattezza, a fine 2010 le Regioni avevano debiti commerciali verso i propri fornitori pari a 68,8 miliardi di euro, i Comuni 48,4, le Provunce 19.6, per un totale di 136,9 cresciuti  appunto di altri 15 miliardi nel 2012. 

Il monito di Napolitano - Anche per questo il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che mercoledì mattina ha ricevuto al Quirinale il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, ha lanciato un monito forse tardivo: "E' indispensabile sollevare le imprese da una pesante condizione anche sul piano delle disponibilità finanziarie". Servono dunque, secondo il Colle, "urgenti misure come quelle volte a rendere possibile lo sblocco dei pagamenti dovuti dalle Pubbliche amministrazioni ad una vasta platea di aziende". Il numero uno di Viale dell'Astronomia, si legge in una nota diffusa dal Quirinale, ha manifestato al Capo dello Stato "profonde preoccupazioni per il rischio di un'ulteriore acutizzazione, a breve termine, in assenza di tempestivi concreti interventi, della crisi delle attività produttive e dell'occupazione". Preoccupazione, si legge, "pienamente condivisa" dal presidente che invita partiti e futuro governo a "porre i problemi dell'economia reale" al centro della loro attenzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    22 Marzo 2013 - 19:07

    Le regioni..75, i comuni 55 e le provincie 20??? Ma chi doveva vigilare su tutto questo? Come si è arrivati ad un simile disastro? I governi, il Parlamento, la Corte dei Conti, la magistratura, chi ha omesso i controlli???? Come può un Paese creare PIL e ricchezza quando ai vari operatori economici che potrebbero farlo si sottraggono tante risorse? Purtroppo in Italia non paga mai nessuno per simili malefatte, si va avanti con lo scarica barile e tanti saluti, tanto ci sono sempre i soliti poveri cittadini da spremere. Attenti, però, perchè potrebbero diventare fiere fameliche che non si fermeranno a fare distinzioni di sorta.

    Report

    Rispondi

  • mark70

    14 Marzo 2013 - 14:02

    con le patate forse....e dove li prenderanno i soldi? aumentando ancora una volta le tasse ai cittadini e alle imprese oppure diminuendo le pensioni (tranne ai soliti noti!). la cosa che mi fa veramente incazzare è che sti incompetenti sanno di avere mandato sul lastrico e in fallimento un'intera nazione ma sono li belli freschi che ancora predicano la buona gestione, la buona politica, la trasparenza...si scannano come cani affamati per una poltrona accusandosi uno con l'altro: tu non hai fatto, io ho proposto, io di qui e io di la e noi qui a subire passivamente questo scempio vergognoso. e se ci fossero i soldi per pagare chi ha lavorato perchè non lo fanno????ci vuole così tanto!!!!o dobbiamo fare le interrogazioni parlamentari per pagare le aziende????scusate ma la realtà in cui viviamo è uno schifo....ci vorrebbe proprio un po' di buona volontà per cambiare le cose, ma la classe politica l'ha buttata già da tempo nel w.c!

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    13 Marzo 2013 - 17:05

    ha deciso di dare la metà del suo tesoro?

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    13 Marzo 2013 - 15:03

    Semplice scateniamo l'agenzia delle entrate... incassiamo, (legge tremonti prima paghi poi ti difendi) se vinci tra 7/8 anni rivedi i soldi!! ovviamente senza interessi avendone spesi a pioggia in commercialisti e avvocati, Cosi incassano subito da altre aziende e pagano i debiti!!! che banani che siaom TUTTI!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog