Cerca

Banlieue all'italiana

Torino, la rivolta degli immigrati: "Allah ci guiderà nella vendetta"

Torino, la rivolta degli immigrati: "Allah ci guiderà nella vendetta"

"Allah ci guiderà nella vendetta". Anche l'Italia ha la sua banlieue pronta ad esplodere: è l'ex villaggio olimpico di Torino, dove si è scatenata una guerra civile tra residenti e immigrati. Centinaia di africani sono scesi in strada per protestare contro le condizioni in cui si trovano a vivere: "Gli italiani sono razzisti, la polizia ci controlla e non ci difende". A scatenare la rabbia dei quasi 1.500 migranti, di cui molti clandestini, sono state tre bombe-carta lanciate contro le palazzine del Moi in cui abitano. "Ci insultavano: venite giù scimmie, venite giù bastardi - accusano gli immigrati, secondo quanto riferisce La Stampa -. E poi ci sono stati gli scoppi e noi abbiamo pensato che stavamo per morire tra le fiamme e le bombe. Ma qualcuno è sceso lo stesso. E quelli hanno continuato ad insultarci". "Siamo nulla per questa città - spiega un ragazzo del Camerun -. Siamo nel mirino di gente che non capisce che anche noi siamo ragazzi e vorremmo una vita decente".

Povertà, emarginazione, razzismo, violenza: un mix esplosivo che rischia di regalare un pezzo di città all'Islam radicale, quello che occhieggia all'Isis e al fondamentalismo jihadista. Tra i ragazzi, molti ventenni, c'è chi lavora in nero, chi si arrangia, chi spaccia, chi semplicemente non fa nulla, per tutto il giorno. "Voi italiani adesso dite ai vostri figli che non siamo cani. Teneteli tranquilli, perché la nostra pazienza prima o poi finirà. E allora anche noi andremo a prendere latte di benzina da lanciare contro le vetrine", è la minaccia di un giovane africano. Si fa strada la legge del taglione: "Un morto nostro, un morto degli altri", grida chi pensa alla strage di Parigi al Bataclan come "la vendetta degli esclusi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • JeffBeck

    26 Novembre 2016 - 18:06

    PER QUESTA " GENTE" SOLO CAMPI DI CONCENTRAMENTO E FORNI CREMATORI.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    26 Novembre 2016 - 17:05

    e qualche burlone ha anche il coraggio di sostenere che noi dovremmo trattare con amore gente che viene a casa nostra senza invito e ci insulta e minaccia.

    Report

    Rispondi

  • claudionefi

    26 Novembre 2016 - 11:11

    aspettano prima che migliaia e migliaia di giovani senza un lavoro una cultura un mestiere si insinuino nel nostro tessuto sociale, come in Olanda del resto, poi si arriverà alla guerriglia vera e propria, da una parte il loro malcontento dall'altra la nostra sopportazione! Ma ormai è tardi, perché sono troppi e non li possono portare più indietro da dove sono venuti... dovremo abituarci a vivere nell'insicurezza

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    26 Novembre 2016 - 10:10

    Allora ..scusate per gli insulti gratuiti se se siete regolari e non clandestini....altrimenti occhio a quello che dite e minacciate perchè qualche italiano in camicia nera c'è ancora...e dopo son cazzi vostri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog