Cerca

L'arresto

Pordenone, il contadino gestiva un racket di prostitute 50enni

Pordenone: il contadino che gestiva un racket di prostitute 50enni

Il gip Roberta Bolzoni ha emesso un'ordinanza cautelare nei confronti di un agricoltore di Sacile, Renato Nadal, indagato per l'ipotesi di induzione e sfruttamento della prostituzione.

Le indagini che hanno portato alla custodia cautelare partono nel maggio 2015, come riferisce il Messaggero, quando una donna venne rapinata nel proprio appartamento a Pordenone. L'aggressione venne ad opera di tre uomini che la picchiarono e la costrinsero a consegnare circa 14mila euro. Data la violenza dell'aggressione la Squadra Mobile ha deciso d'indagare più a fondo nella questione.

Grazie alla testimonianza della donna gli uomini del vicequestore aggiunto Silvio Esposito sono riusciti a ricostruire il racket gestito dall'agricoltore: Nadal sfruttava diverse donne, tutte italiane, sulla cinquantina, e in gravi difficoltà economiche, per degli incontri a luci rosse nelle province di Pordenone, Treviso e, principalmente, nella città di Conegliano.

Gli appuntamenti con i clienti avvenivano in appartamenti, locali notturni e cinema a luci rosse, tutti nel circondario di Conegliano; grazie alla sforzo congiunto degli uomini di Esposito e della Squadra Mobile di Pordenone tutti i luoghi d'incontro sono stati perquisiti, in modo da raccogliere diverse prove a carico del contadino-sfruttatore. Tra gli oggetti sequestrati anche diversi articoli da sexy shop.

Il giro d'affari fruttava molto bene, e stando alle testimonianze delle donne ogni incontro fruttava dai 200 ai 300 euro. L'indagato, che a tutti gli effetti non è ancora in stato d'arresto, nei prossimi giorni avrà modo di fornire al giudice la propria versione dei fatti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog