Cerca

Accanimento giudiziario

Ruby e Mediaset: chiesto il trasferimento dei processi a Brescia

I legali del Cavaliere sostengono che nel capoluogo lombardo c'è un "clima ostile"

Ruby e Mediaset: chiesto il trasferimento dei processi a Brescia

Silvio Berlusconi

Una decisione che arriva qualche giorno dopo le polemiche della scorsa settimana, dopo la manifestazione dei parlamentari Pdl davanti al Tribunale di Milano contro la decisione di mandare due visite fiscali all'ospedale San Raffaale per verificare le effettive condizioni di salute di Silvio Berlusconi. Oggi, i  i legali dell'ex premier Piero Longo e Niccolò Ghedini hanno chiesto di trasferire, in base alla legge Cirami,  i processi Ruby e Mediaset da Milano a Brescia perché, è questa la loro tesi, nel capoluogo lombardo c'è un clima ostile.  Lo hanno fatto appellandosi all'articolo 45 del codice di procedura penale che disciplina i casi di "remissione" secondo cui in ogni stato e grado del processo di merito, " quando gravi situazioni locali, tali da turbare lo svolgimento del processo e non altrimenti eliminabili, pregiudicano la libera determinazione delle persone che partecipano al processo, ovvero la sicurezza o l'incolumitè  pubblica, o determinano motivi di legittimo sospetto", puo' essere rimesso il processo a un altro giudice. I processi Ruby e Mediaset rischiano quindi di essere sospesi fino a quando non sia intervenuta l'ordinanza che dichiara inammissibile o rigetta la richiesta. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Renatino1900

    19 Marzo 2013 - 12:12

    magari si appellasse al tribunale di Strasburgo. ma chissà come mai non capiterà?

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    15 Marzo 2013 - 20:08

    Ve l'avevo annunciato (post 4). Dopo aver allungato il processo con il cavillo della legge Cirami, è miracolosamente guarito. Domani lo incontrerete al Parco Nord a fare footing...

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    15 Marzo 2013 - 19:07

    Bravo Cavaliere, benfatto !!! E se non basterà, appellati anche al tribunale di Strasburgo !!! Sai come si dice dalle nostre parti ? Che i soldi servono per curare i mali e per togliersi di dosso i cani rognosi...! Anche se nel tuo caso specifico, si tratta di cagna....!

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    15 Marzo 2013 - 19:07

    Non credo che gli eletti nel Pdl si sarebbero mai presentati al tribunale di Milano senza il consenso di Berlusconi. Può mai immaginare un Alfano, in soggezione anche davanti alla sua colf filippina, decidere la pianificazione di un'azione eversiva di quel livello? Suvvia, è chiaro che il duo Silvio-Ghedini ha diretto i burattini azzurri. Seconda considerazione, gli effetti dell'intimidazione. Lamentarsi di una evidente ostilità dei Pm dopo averli descritti come un cancro dell'Italia è un bel paradosso. Qualsiasi persona di buon senso non avrebbe problemi nel riportare le azioni del cav nel binario dell'insulto proprio per poi lamentare un clima ostile. Per capirci, io le do uno schiaffone e poi mi lamento se lei mi guarda male. Non dimentichi che siamo in Italia, un Paese che ha consentito al cav di diventare Premier nonostante la sua ineleggibilità, i suoi innumerevoli reati, la sua incapacità, l'uso spregiudicato delle istituzioni pro domo sua. Tutto può accadere a Bananalandia...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog