Cerca

Chiede il divorzio dalla moglie

"Crede troppo alla Madonna"

Chiede il divorzio dalla moglie
 Gela- Quando la coppia scoppia per la troppa devozione della moglie. A Gela, in provincia di Caltanissetta, un uomo ha chiesto di porre fine al matrimonio a causa dell’eccessivo attaccamento della moglie alle devozioni locali. Una donna, insomma, colpevole di credere troppo in Dio e nella Madonna. La goccia che avrebbe fatto traboccare il fatidico vaso è stato un rito religioso che a Gela è molto sentito: denudare il figlio di un anno e metterlo davanti al simulacro della Madonna delle Grazie. Ogni anno, il 2 luglio, sono diverse centinaia le donne gelesi che si recano in processione con i loro bimbi, poi denudati davanti alla statua della Madonna. E’ il modo di rendere omaggio alla Vergine Maria per una grazia ricevuta. A Gela è un momento di gioia autentica, di fede paesana e genuina. Ma non è stato della stessa opinione il marito di quella donna che avrebbe più volte sbandierato il suo ateismo. Pare fosse originario del Settentrione. E per uno che non crede questi atti sono da ritenersi inutili e persino traumatici a livello psichico per il bambino stesso, spogliato tra la folla. Tanto più se il pargoletto scoppia in lacrime davanti a tutti. L’uomo non ha perso tempo e il giorno dopo la processione si è presentato ai carabinieri per sporgere denuncia nei confronti della moglie che avrebbe agito a sua insaputa. Il marito avrebbe parlato di maltrattamenti ai danni del figlio. A Gela, nel ritenere esagerata la decisione dell’uomo, quando la vicenda è diventata di pubblico dominio, in tanti hanno parlato di pretesto tirato in ballo dal marito per divorziare dalla moglie e chiedere poi l’affidamento del figlio. Nel comune gelese la festa della Madonna delle Grazie è uno dei momenti più sentiti dalla comunità locale. E’ il primo caso di una festa religiosa che diventa il pretesto per divisioni familiari a colpi di denuncie ed accuse. Un caso opposto si era verificato, sempre a Gela, nei mesi scorsi. Una donna, atea convinta, era diventata cristiana dopo la guarigione della nipotina, affetta da una grave malformazione al palato.  Sergio Taccone

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog