Cerca

Gesti d'umanità

Papa Francesco, Giovedì Santo laverà i piedi dei detenuti

La Sala stampa vaticana ha fatto sapere che a Buenos Aires il cardinale Bergoglio usava celebrare tale Messa in un carcere, usanza che ha deciso di mantenere anche da Papa

Papa Francesco

L'estremo gesto umano: il chinarsi di fronte ai suoi fedeli. Papa Francesco il 28 marzo, Giovedì Santo, celebrerà la "messa nella cena del Signore" alle 17,30 presso l'istituto penale per i minori "Casal del Marmo" e in questa occasione ha reso noto che laverà, secondo rito, i piedi dei giovani detenuti. La Sala stampa vaticana ha rilasciato un comunicato: "Com’è noto la Messa della Cena del Signore e’ caratterizzata dall’annuncio del Comandamento dell’amore e dal gesto della Lavanda dei piedi. Nel suo ministero come Arcivescovo di Buenos Aires, il cardinale Bergoglio usava celebrare tale Messa in un carcere o in un ospedale o in un ospizio per poveri o persone emarginate. Con la celebrazione a Casal del Marmo, il Papa Francesco continua tale uso, che dev’essere caratterizzato da un contesto di semplicità". Il senatore Roberto Di Giovan Paolo, Pd, ha accolto con grande gioia la notizia: "Ringraziamo il Papa per la decisione di celebrare messa a Casal del Marmo . Nei fatti il Pontefice da più attenzione a questo luogo di quanto in tanti anni abbiano fatto le istituzioni, e mi auguro che anche i candidati alle primarie del Pd si ricordino che Casal del Marmo è un luogo di Roma. Troppo spesso ci si dimentica nelle città dell’esistenza delle carceri, eppure esse appartengono alla storia di tante città".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ATROPO

    22 Marzo 2013 - 02:02

    Tu fai Bergoglio Jorge Maria e non il Papa. Dice che i Cattolici debbano obbedienza al Papa...ma tu non sei un Papa. Ti hanno eletto come tale ma porti avanti solo il tuo Io. Non mi convinci per niente. Falso modesto e, da buon gesuita, più mondano dei mondani. Usi la miseria e la carità per esibire te stesso.Vai fra la gente normale e fallo in silenzio. Invece quanto dimostri di apprezzare il clamore. Ed i baciamano. Quanto clamore intorno a te, quanto è bello piacere a tutti! Altro che "segno di contaddizione". Quanto ai tuoi messaggi ( omelie od altro..)lo squallore della banalità...fuffa, tanta fuffa ed imbonimento ruffiano. Il mio parroco è più ispirato. Ruffiano il tuo riferirti agli "ultimi" ma dello squallido "uomo medio" che ne fai ??? Grazie Vescovo Francesco ( anche nel nome sei stato narcisista): grazie di considerare un nulla la gente banalmente normale...e visto che ti garba la chiesa stracciona col cavolo che ti do' il mio 8x mille. ...bel mi' Ratzinger....

    Report

    Rispondi

  • ATROPO

    22 Marzo 2013 - 01:01

    In logica con l'ottica del nuovo Vescovo di Roma allora sarebbe sconfessato pure Gesù Cristo. Come osò Costui sedere al desco di un prospero pubblicano ( Matteo Levi )Caro Vescovo di Roma: non è tenendo la croce di ferro ne' pediluviando chi ultimo non è ( se non per la vulgata politically correct ) che testimonierai il Kerigma e diventerai santo.La carità non porta segno. Il mio dubbio sul perche' ti tirasti indietro nel 2005 ed adesso pari un divo della carità consumato ad arte è sempre più forte.Sono Cristiana e Cattolica. La mia Via è il Vangelo. Ma non vedo il Vangelo in ciò che fai. Vangelo è testimonianza, sempre. Gesu' non si zitti' mai ne' disse benedizioni sottovoce x tema di mancare rispetto.Io vedo una strumentalizzazione del Vangelo in cio' che fai ed hai detto da quando ti sei insediato.In 15 giorni hai fatto moltissimo nela forma ma hai disfatto e contraddetto molto nella sostanza. Il tuo è un cristianesimo solipsistico e narcisistico. Tu sei Bergoglio, Papa solo di nome

    Report

    Rispondi

  • ATROPO

    22 Marzo 2013 - 01:01

    Siamo sicuri che abbia soffiato lo Spirito Santo e non il fumo del cornuto ??? Più passano i giorni e più questo Vescovo di Roma ( come lui si vezza di appellarsi ) mi da' da pensare. E non in modo positivo. Lavare i piedi ai carcerati...contento lui...peccato che i carcerati non siano affatto fra gli "ultimi"in quanto tali..."ultimi" sono perchè ci si sono voluti trovare ( nella maggior parte dei casi )...magari laverà i piedi a qualche pedofilo, o qualche spacciatore, od un violentatore...un assassino... X l'amor di Dio, la "pietas" non si leva a nessuno...ma questi non sono "gli ultimi". Perchè non va a lavare i piedi ai familiari di qualche imprenditore suicidato...o qualche donna violentata...od alla "gente normale", l'eroe silenzioso di tutti i giorni che con fatica tira la carretta quotidianamente? Lavi i piedi ad un pensionato o ad un disoccupato...o ancora più cristianamente non si ponga il problema di chi siano i piedi che lava. Gesù non fece distinsioni...

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    21 Marzo 2013 - 22:10

    cattolica e tale voglio rimanere, l'esibizionismo di questo papa, buonista, pauperista e devoto allo straccionismo, mi sta dando davvero il voltastomaco. Quando la pianterà di fare l'uomo della porta accanto? Io sono già stufa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog