Cerca

Panico nell'Eurozona

"Siete più ricchi, ma evadete troppo"
I tedeschi temono più Italia che Cipro

Sul sito del settimanale di centrodestra "Focus" l'attacco al Belpaese: "Vi mettete nei guai da soli. Cambiate per il bene di tutti"

Angela Merkel

 

La crisi in cui si dibatte Cipro fa tremare anche i tedeschi, con un cittadino su due che teme per i propri risparmi. A rivelarlo è un sondaggio della prima rete televisiva pubblica Ard, secondo il quale, nonostante l'assicurazione fornita da Angela Merkel che i risparmi dei cittadini tedeschi sono garantiti dal governo, il 48% degli elettori rimane pervaso da timori sulla sicurezza del proprio conto in banca. Una grande maggioranza della popolazione (59%) rimane tuttavia convinta che Merkel stia lavorando bene nell'attuale crisi e stia agendo in maniera decisa.

Per il centro destra tedesco, però, Cipro è un falso problema: la vera minaccia per l’euro si chiama Italia. E così uno dei più diffusi settimanali tedeschi, Focus, lancia dal proprio sito una lettera appello al Belpaese. Il pezzo firmato da Uli Dönch, il caporedattore dell’Economia della rivista storicamente legata al centrodestra tedesco, si apre con tanti complimenti: “Cari amici italiani! Vi vogliamo bene. Ammiriamo il vostro stile di vita. E vi invidiamo perché vivete nel più bel paese del mondo”. Poi arriva la mazzata: “Ma voi che fate? Vi mettete nei guai da soli: create il peggior caos politico dal 1945, dibattete sull’uscita dall’Euro, scioccando così le borse mondiali e dando un colpo pericoloso ai vostri interessi sulle obbligazioni statali già traballanti”.

Focus poi insiste sulla ricchezza degli italiani: “Voi i siete più ricchi di noi! I vostri depositi e i patrimoni privati raggiungono un valore notevole, il 175 % del PIL. Noi, i vostri vicini al di sopra delle Alpi che sembriamo molto più forti dal punto di vista finanziario, arriviamo appena ad un miserabile, rapportato a voi, 125 % del PIL”. Il problema secondo il sito tedesco è che gli italiani "occultano" la ricchezza al Fisco per non pagare le tasse: “Questo è dovuto prima di tutto ai vostri famosi “vecchi soldi” – i tesori miliardari silenziosi dell’industria nel nord Italia e quelli nel sud che invece appartengono alla…lo sapete già”. Uli Dönchsi conclude l'articolo invitando gli italiani ad un cambiamento radicale, oppure a continuare a fare come in passato, distruggendo uno dei paesi più belli del mondo. “Voi non lo volete? Molto bene. Nemmeno noi. Allora vi resta solo una cosa da fare: mettere su gli occhiali da sole, tenete sigaretta dietro l’orecchio, maniche arrotolate verso l’alto, tasse pagate solo parzialmente – e continuate a sostenete i politici che vi faranno perdere una parte del patrimonio, sicuramente più grande di quanto non sia accaduto fino ad ora. Alla salute del paese più bello del mondo!”

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    25 Marzo 2013 - 08:08

    Del resto l'evasione fiscale ha radici lontane...L'evasione l'abbiamo dentro di noi a livello DNA...Che volete pretendere da un paese che nel passato ha solo conosciuto scorribande e dominazioni da parte di altri popoli che ci hanno portato via il tutto ed il di più?Che volete pretendere da un paese che la storia lo ha sempre visto diviso ed in guerra perenne tra i vari stati che lo componevano?Poi è arrivato l'eroe dei due mondi che lo ha riunito tutto quanto da 150 anni.A venezia gira un detto"Con la Serenissima 1400 anni di gloria...Con l'Italia 140 di mer**a"...Bell'Italia davvero.Angioletta la tedesca non ha tutti i torti.

    Report

    Rispondi

  • dplucia

    25 Marzo 2013 - 08:08

    E' vero: noi italiani non siamo un popolo unito e lo dimostriamo nelle avversità. Siamo troppo partigiani delle nostre idee, ci comportiamo come se fossimo in una guerra civile, in cui si preferisce la morte dell'altro. I tedeschi questo problema, per loro fortuna non l'hanno avuto, ragione per cui si sono sentiti uniti come tedeschi sia ad ovest che ad est Svegliamoci! Facciamo come dopo Caporetto, dolorosa sconfitta dovuta sempre all'invidia e all'essere divisi,che per un anno si diventi tutti italiani, senza distinzione di partito e di odio sociale. per combattere il cancro della decrescita, in quanto gli italiani meritono molto di più.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    24 Marzo 2013 - 17:05

    I tedeschi già in Grecia non sono ben visti, aggiungiamo Cipro con i loro risparmi in buona parte di provenienza russa, i francesi che li tollerano per convenienza. Gli Italiani è dai tempi dell'ultima guerra che li sopportano poco, ora siamo proprio stanchi di sentirci dare delle regole da un popolo che si ritiene superiore agli altri e che vuole decidere le sorti dell'Europa.

    Report

    Rispondi

  • encol

    24 Marzo 2013 - 10:10

    Cari tedeschi toglieteVi di torno noi possiamo continuare anche senza di Voi anzi è ciò che aspettiamo da anni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog