Cerca

Politiche in rivolta

Lo spot che istiga al femminicidio
Scoppia la polemica su internet

Un uomo con uno strofinaccio, una donna morta dietro di lui e lo slogan: "Elimina tutte le tracce". Ecco la pubblicità che fa infuriare tutti

Lo spot che istiga al femminicidio 
Scoppia la polemica su internet

Campagna pubblicitaria Clendy

L'uomo seduto con la camicia sbottonata e uno strofinaccio fucsia in mano, la donna distesa e priva di vita sul letto dietro di lui. Poi lo slogan, a caratteri cubitali: "Elimina tutte le tracce". Un messaggio pubblicitario, dell'azienda Clendy di Casoria, che sembra più un invito. O almeno così lo hanno inteso le donne che hanno animosamente protestato: un'istigazione alla violenza e al femminicidio. Tra le esponenti più rappresentative della disapprovazione alcune parlamentari di Pd e Sel (Sesa Amici, Susanna Cenni, Stefania Covello, Titti Di Salvo, Nerina Dirindin, Donatella Ferranti, Maria Grazia Gatti, Rita Ghedini, Donata Lenzi e Raffaella Mariani) che hanno invitato -  attraverso una lettera - il presidente della Camera, Laura Boldrini, ad un celere intervento. La ditta napoletana di detergenti per la pulizia della casa ha fatto sapere, tramite il proprio consulente marketing Stefano Antonelli, di non aver ideato la campagna pubblicitaria come un incoraggiamento alla brutalità nei confronti del gentil sesso: "Siamo dinanzi alla classica tempesta in un bicchiere d'acqua. C'è stata una lettura distorta del messaggio. Certo è che non c'è alcuna ispirazione al femminicidio: chi lo afferma lo fa in maniera davvero impropria". La prova di non colpevolezza, secondo l'azienda, starebbe anche nel fatto che la promotion è double face. Se infatti su un cartellone compare l'immagine del cadavere femminile riverso tra le lenzuuola, nell'altra a morire sul pavimento è l'uomo.

Le proteste - Solo una strategia di vendita dunque per concentrare l'attenzione sull'ironia del messaggio: un prodotto capace di "ammazzare" lo sporco anche più resistente.  "Ci dispiace che ci sia stato questo clamore mediatico è semplicemente un messaggio pubblicitario, come tanti altri, che serve a richiamare l'attenzione. Nessun intento offensivo verso le donne, come dimostra anche la doppia versione del manifesto. Anzi da ieri sera siamo noi ad essere oggetto di messaggi offensivi" dichiara lo specialista delle vendite Antonelli. Ma i mea culpa non sono bastati perché persino il Comune di Napoli si è schierato contro alla propaganda ritenuta intollerabile. L'assessore comunale Pina Tommasielli si è pronunciata categoricamente sulla scelta infelice dell'azienda: "Questo spot è per noi è inaccettabile, soprattutto per un'amministrazione che ha deciso di costituirsi parte civile in tutti i processi che vedono le donne vittime di violenza. Per questo come assessore alle Pari Opportunità ho convocato, già questa mattina, i responsabili dell'Elpis per valutare criticamente il contenuto del manifesto per disporne l'eventuale rimozione, così come previsto dalla delibera comunale".

Donne unite - La solidarietà femminile è giunta anche da parte di Mara Carfagna, Pdl, che disgustata dalla scelta stilistica pubblicitaria ha chiesto al governo di prendere dei provvedimenti: "Uno spot chiaramente in contrasto con il codice di autodisciplina delle industrie pubblicitarie, oltre che col buonsenso e il buongusto. Invito dunque il ministro delegato alle Pari Opportunità in carica, Elsa Fornero, a chiedere immediatamente intervento all'Istituto per l'autodisciplina pubblicitaria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    30 Marzo 2013 - 12:12

    domandiamoci anche perché avviene questo fenomeno. siamo certi che è sempre colpa dell'Uomo? incominciamo a riflettere sulla legge della separazione: Sempre o quasi essa è a favore della moglie. Un marito si ritrova senza figli, senza casa e deve mantenere la moglie con il compagno nuovo. A lui rimane solo di andare "pe' stracci" dormire sotto i ponti. E' vero anche che le donne vengono ammazzate non in conseguenza d ciò. intanto sfoltiamo.

    Report

    Rispondi

  • brutus

    30 Marzo 2013 - 11:11

    Mamma santissima che menata, é una publicità, un po' stupida, ma pursempre una publicità. Se ci avessero messo un cane, la Brambilla avrebbe fatto un sit-in, con un gambo di sedano avremmo offeso i vegetariani. Manca poco e gli ecologisti ci proibiranno gli antibiotici per salvaguardare l'ecosistema dei batteri. Squalificano un giocatore per aver alzato la mano destra. Grazie al cielo, ancora non siamo obligati a costruire piste d'atterraggio per zanzare. Basta, lasciateci vivere !

    Report

    Rispondi

  • allianz

    29 Marzo 2013 - 19:07

    In quell'altro manifesto è rappresentata una donna...Ma chi è quella mente eccelsa che ha concepito questo aborto di manifesto solo per pubblicizzare uno straccio?

    Report

    Rispondi

  • plaunad

    29 Marzo 2013 - 18:06

    Già, però non si dice che esiste un manifesto gemello dove i ruoli sono invertiti. Come mai nessuno ne parla e nessuno si scandalizza? A proposito di razzismo femminista

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog