Cerca

Il dramma occupazione

Istat, più donne trovano lavoro
ma 3 milioni di italiani sono disoccupati

Il tasso di disoccupazione è sceso all'11,6% a febbraio, ma è aumentato di 1,5 punti rispetto l'anno scorso

Una donna al lavoro in fabbrica

Una donna al lavoro in fabbrica

 

Se l'occupazione cresce il merito è soprattutto delle donne. I dati resi noti dall'Istat sul mondo del lavoro in Italia testimoniano infatti che nell'ultimo mese sono 50mila le donne che hanno trovato un'occupazione. La componente maschile, invece, resta  sostanzialmente ferma, segnando una variazione nulla, corrispondente a 2 mila unità in meno. Anche su base annua l'occupazione femminile sale dello 0,5% (+48 mila occupate), a fronte di una diminuzione del 2% per gli uomini (-268 mila).

Complessivamente, comunque, il tasso di disoccupazione è sceso all'11,6% a febbraio, in lieve flessione rispetto all'11,7% di gennaio, ma in aumento di 1,5 punti percentuali nei dodici mesi. In pratica a febbraio risultano senza lavoro  2 milioni 971 mila persone, in diminuzione dello 0,9% rispetto a gennaio, ovvero di 28 mila unità, mentre risulta ancora in aumento su base annua, registrando una crescita del 15,6%, corrispondente a 401 mila persone in cerca di lavoro. 

Secondo l'Istat tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 647 mila e rappresentano il 10,7% della popolazione in questa fascia d'età. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero l'incidenza dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 37,8%, in calo di 0,8 punti percentuali rispetto al mese precedente e in aumento di 3,9 punti nel confronto tendenziale. Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,3% rispetto al mese precedente (-36 mila unita'). Il tasso di inattività si attesta al 36,1%, in calo di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,6 punti su base annua. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    02 Aprile 2013 - 12:12

    In Italia è illegale lo sfruttamento della prostituzione ma non lo sfruttamento del lavoro da parte delle associazioni mafiose meglio note col nome di agenzie di lavoro interinale o degli imprenditore che schiavizzano immigrati pagandoli 2-3 euro all'ora ! Oggi come oggi è tutto in mano agli stranieri...pulizie,edilizia,ristorazione,perfino ferrovieri,commessi e compagnia bella ! La realta' è che il Nuovo Ordine Mondiale sta tentando di cambiare l'assetto etnico dell'Italia sostituendo gli autoctoni con la marmaglia immigrata,questa è la realta'...a Brescia ci sono pakistani e indiani arroganti che fanno il bello e cattivo tempo...aprono kebabberie puzzolenti e tutto va bene,un italiano tenta di aprire una pizzeria,e subito l'ufficio di igiene trova tutti i cavilli possibili per ostacolarlo. L'unica strada sono gli Squadroni della morte anti immigrati e la Guerra Civile,altrimenti prepariamoci a fare la fine degli indiani d'America !

    Report

    Rispondi

blog