Cerca

Lo scontro

Roma, manifestazione per i marò: polemica tra Alemanno e la sopraintendenza

La soprintendenza: "Non c'è alcuna autorizzazione per l'iniziativa al Colosseo". Ma il sindaco: "C'è un'urgenza, stasera ci saremo"

Gianni Alemanno

Gianni Alemanno

Non c'è pace per i marò, prigionieri in India e a rischio condanna di morte. Per la serata di mercoledì 3 marzo, a Roma, è prevista una manifestazione di sostegno ai nostri militari. Ma a poche ore dall'iniziativa il soprintendente Mariarosaria Barbera ha spiegato che il palco a ridosso del Colosseo, già allestito, non è autorizzato dalla Soprintendenza ai Beni archeologici di Roma. 

"Non c'è l'autorizzazione" - In una lettera inviata al Campidoglio e "condivisa con il ministro Lorenzo Ornaghi e il segretario generale del Mibac, Antonia Pasqua Recchia", la Barbera spiega che "la posa in opera della struttura del palco, oggetto di ordinanza del sindaco del 2 aprile (pervenuta in data odierna) e realizzato a ridosso delle arcate del Colosseo e dell'ingresso dei visitatori, non è autorizzata da questa Soprintendenza e risulta in contrasto con gli accordi intercorsi in merito alla sicurezza dell'area esterna all'Anfiteatro, generando una situazione di gravissimo disagno e rischio per il pubblico". 

Alemanno non molla - Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, promotore dell'iniziativa a sostegno dei marò, Salvatore Latorre e Massimiliano Girone, ha però fatto sapere di non voler rinunciare. "Faremo comunque la manifestazione perché non c'è nessun palco ma solo una pedana di 30-40 centimetri, e non c'è nessuna copertura del Colosseo. E' fuori dalla fascia di rispetto e non c'è nessun pericolo". Così Alemanno uscendo da Palazzo Chigi. Il primo cittadino ha poi aggiunto: "Visto che c'è un'urgenza andiamo avanti e non vogliamo sentire storie. Bisogna manifestare dal Colosseo per dare solidarietà ai nostri marò con il rispetto per il ministero che fa il suo mestiere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    17 Aprile 2013 - 20:08

    a dimostrazione di che razzadi gentaglia abbiamo al governo-..... se fosserostai 2 compagni, erano gia a casa e non solo,compagna Sdrengaaaaaaa ,dove cazzo sei!!!cometi vorrei in INDIA

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    03 Aprile 2013 - 20:08

    Quando nessuno fa il suo mestiere o vuole ergersi a difensore del nulla meglio eliminarlo!!!! I marò sono rappresentanti dell'Italia, la corte costituzionele ha detto che non si possono estradare italiani in paesi dove è prevista la pena di morte. Monti ha fatto l'ennesima 'azzata e il Barbera è acido. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog