Cerca

Sull'autostrada A9

Assalto col kalashnikov a due portavalori
"Un'azione paramilitare"

Dieci uomini hanno sbarrato l’autostrada con dei mezzi pesanti, il bottino sottratto ammonta a 10 milioni. Code chilometriche

Assalto col kalashnikov a due portavalori
"Un'azione paramilitare"

 Scena da Far West questa mattina, lunedì 8 agosto,  alle 7 sull'autostrada Milano -Laghi all’altezza di Turate. Un commando di banditi ha assaltato due furgoni portavalori (ma solo uno sarebbe stato svaligiato) della società 'Battistollì di Vicenza portando via, secondo le prime indiscrezioni, un bottino di una decina di milioni in valori. Nessuno è rimasto ferito ma i rapinatori hanno esploso numerosissimi colpi d’arma da fuoco. Una vera e propria 'azione paramilitarè messa in atto pare da almeno una decina di persone ma potrebbero essere state anche di più.

 

La dinamica  - I banditi hanno messo di traverso dei mezzi pesanti alle spalle e davanti ai due blindati che sono poi stati circondati dai malviventi e che si sono messi ad esplodere colpi di kalashnikov e a lanciare fumogeni costringendo il personale di scorta a uscire. Un furgone ha preso fuoco e le fiamme si sono levate alte e visibili in tutta la zona. Poi i rapinatori sono fuggiti disseminando sull'autostrada chiodi per rallentare l’intervento delle forze di polizia che stavano accorrendo sul posto. I due blindati erano carichi di oro e valori. La società vicentina Battistoli confermando che il bottino è ingente per ora non si sbilancia su una quantificazione precisa. L'assalto è stato evidentemente preparato con cura. A Saronno è stato dato alle fiamme un autocarro per bloccare l’ingresso in autostrada. E’ stato usato anche un fumogeno per simulare l'incendio di un mezzo. Gli investigatori hanno recuperato non meno di 50 bossoli. Il tratto autostradale è rimasto bloccato e si sono formate subito lunghe code. Sul posto sono rimaste al lavoro Polizia stradale, polizia Scientifica e la Squadra mobile di Como mentre in tutta la regione è scattata la caccia ai malviventi.

Guarda il video su LiberoTv

 


Circolazione difficile - n mattinata gli uomini di scorta ai due furgoni sono stati sentiti dagli investigatori della Squadra Mobile di Como che conduce le indagini, coordinate dal magistrato di turno alla Procura di Como. La Battistoli nel confermare l’accaduto ha precisato che il carico del furgoni depredato era "composito" c'erano cioè diversi tipi di valori raccolti probabilmente da banche e supermercati. Con il passare delle ore, intanto, meglio si delinea la scena della rapina. "Sembrava un’azione paramilitare" raccontano alcuni testimoni. Per consentire i rilievi da parte della Scientifica della Polizia, l’Autolaghi è ancora chiusa all’altezza del bivio A/8-A/9 in direzione Como e Svizzera e, in senso contrario, tra Lomazzo e Turate verso Milano. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mariano1963

    19 Aprile 2014 - 11:11

    Bravo Caramba!!!

    Report

    Rispondi

  • giovago

    09 Aprile 2013 - 11:11

    Certo che farci credere che in quel furgone erano trasportati gli "incassi" dei supermercati della zona, è difficile credere o farci credere che erano "incassi di supermercati" per 10milioni di euro, quale supermercato o centri commerciali incassano somme del genere in un we qualsiasi, che poi trasferiva in una banca Svizzera !!!!!! ma perchè ????? Forse, ma senza forse erano i depositi di "qualche" banca Italiana, in questo momento in difficoltà che trasferiva contante al riparo in cassaforti Svizzere! a nome di qualche "cliente importante"......... Sveglia gente !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • drjekill

    09 Aprile 2013 - 09:09

    e' molto piu' criminale fondare una banca che rapinarla.

    Report

    Rispondi

  • drjekill

    09 Aprile 2013 - 09:09

    e' molto piu' criminale fondare una banca che rapinarla.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog