Cerca

La mossa del Pontefice

Vaticano, Papa Francesco: otto saggi per riformare la Curia

Il Santo Padre nomina il gruppo: i lavori inizieranno in ottobre. Lo consiglieranno nel nuovo governo della Chiesa: Bergoglio vuole cambiare tutto

Papa Francesco

Papa Francesco

Come Giorgio Napolitano. Anche Papa Francesco si affida a un gruppo di saggi per risolvere i problemi della Chiesa Cattolica. Una rivoluzione storica per il Vaticano che è stata annunciata sabato 13 aprile, a un mese dal suo insediamento. I cardinali che saranno chiamati ad affiancarlo a riformare la Curia e a consigliarlo nel nuovo governo della Chiesa sono otto: Bertello, Errazuirz Ossa, Gracias, Marx, Monsegwo, O'Malley, Pelle e Maradiaga. Il gruppo di lavoro partirà il primo ottobre in Vaticano e sarà coordinato dall’arcivescovo salesiano di Tegucigalpa in Honduras, Oscar Rodriguez Maradiaga. Segretario sarà invece il vescovo di Albano, monsignor Marcello Semeraro. 

"Funzioni consuntive" - Il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, ha sottolineato che "si tratta di un gruppo, non di un consiglio o di una commissione, ed è stato istituito da Francesco per consigliarlo, cioè ha funzioni di tipo consultivo e non decisionale. Per aiutarlo il Papa ha già la Curia Romana con collaboratori stabili e permanenti, il cui ruolo non è messo in secondo piano". Secondo Lombardi, la nomina degli otto cardinali a un mese esatto dall'elezione del Papa "è un segnale che il Pontefice dà di aver recepito i suggerimenti che il Collegio cardinalizio aveva avanzato nel corso delle Congregazioni Generali percedenti al Conclave".

Tremano le gerarchie - Nonostante le rassicurazioni di Lombardi, però, la nomina degli 8 saggi avrà una forte influenza in Vaticano: le vecchie gerarchie, ora, tremano. Il loro timore è quello di essere spazzate via, nel nome di quel rinnovamento voluto da Papa Francesco, che non riguarda soltanto usi, tradizioni e costumi della Curia. Il Vaticano, da par suo, sottolinea il pieno rispetto del Santo Padre per gli altri organismi di governo della Curia: "Il gruppo - ha continuato Lombardi - non si riunirà in tempi brevissimi, in modo accelerato, con sensazione di emergenza. Si riunirà tra diversi mesi e non viene neppure indicata una periodicità delle riunioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    17 Aprile 2013 - 23:11

    Fa la fine del predecessore del papa Polacco.....

    Report

    Rispondi

  • noncirestachepiangere

    13 Aprile 2013 - 14:02

    Africani, sud americani sinistrorsi, americani pauperisti, kangaroos ... Il papa nero svenderà pure S.Pietro?

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    13 Aprile 2013 - 13:01

    Vorrei sentire commentare quello che è successo a 3 passi dal vaticano (in francia) pochi giorni fa, altro che saggi.

    Report

    Rispondi

blog