Cerca

Non aprite quella porta

Milanese chiede 170mila euro a Tremonti per la casa in via Campo Marzio

L'ex consigliere chiede all'ex ministro 170mila euro per la casa in via Campo Marzio, a Roma, dove alloggiava Giulio (e che ha causato molti guai)

Giulio Tremonti e Marco Milanese

Giulio Tremonti e Marco Milanese

Da amici a nemici. Volano stracci ora tra Marco Milanese e Giulio Tremonti. L'ex deputato Pdl e consigliere politico del ministro batte cassa e vuole 174mila euro proprio da Tremonti. Quell'appartamento in via Campo Marzio a Roma affittato per ospitare Tremonti ha creato non pochi problemi a Milanese, che ora vuole essere risarcito profumatamente dal suo ormai ex amico, l'allora superministro dell'Economia. La somma è una sorta di rimborso per la quota d'affitto pagata da Milanese anche dopo la partenza del ministro da Roma. Infatti nell'estate del 2011, Tremonti lascia l'appartamento, ma il contratto di locazione non viene rescisso. L’accordo prevedeva il pagamento di 8.500 euro mensili a partire dal luglio 2010 in considerazione dei lavori di manutenzione a carico del locatario.

Conto salatissimo -
Milanese, secondo i calcoli del suo staff, ha provveduto al pagamento del canone dal luglio 2010 al luglio 2011 ricevendo da Tremonti 4.000 euro mensili, mentre da luglio 2011 fino ad aprile 2012 ha pagato l’intero canone di tasca sua. Non avendo alcun interesse a sborsare quell'esosa cifra all'infinito, Milanese ha risolto il contratto di locazione dall’1 maggio 2012 previa corresponsione alla proprietà, a titolo transattivo, 25 mila euro. Il totale, per Milanese, delle somme sborsate è di 174.819 mila euro ed è questa la cifra che ora chiede a Tremonti. Se l'ex ministro dovesse rifiutarsi di pagare gli "arretrati", Milanese ha già annunciato che lo trascinerà in tribunale. Per il momento Milanese si è limitato ad inviare a Tremonti una lettera con le sue richieste. E la risposta tarda ad arrivare. Intanto l'ex ministro dell'Economia sempre per questo apprtamento è indagato dalla procura di Roma per finanziamento illecito per la ristrutturazione gratuita dell'immobile da parte di Angelo Proietti. Con Proietti è indagato anche Milanese. L'accusa della procura è di "finanziamento illecito di parlamentare". (I.S.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eovero

    16 Aprile 2013 - 13:01

    il fatto è che per la gente come questo "milanese"molto probabilmente avrà cambiato cognome, dicevo se sei una personalità e hai bisogno di lui (vedi appartamento) sembra ti vogliono regalare tutto, ma come non sei più nessuno ti sputtanano e vogliono tutto indietro con dieci volte tanto di interessi!!!

    Report

    Rispondi

  • Noidi

    16 Aprile 2013 - 10:10

    il paese dove il ministro dell'economia, e anche inventore di Equitalia, paga l'appartamento in nero. Proprio un bell'esempio.

    Report

    Rispondi

  • massimo1954

    15 Aprile 2013 - 19:07

    Gli stà bene a Tremonti.Se avesse fatto un regolare contratto come tutti,avrebbe pagato sino alla scadenza poi,nessuno avrebbe potuto pretendere altro invece..lui come gli altri,va dagli amici degli amici!

    Report

    Rispondi

blog