Cerca

Clamoroso intreccio

Soldi in nero, indagato Giancarlo Tulliani e arrestato Amedeo Laboccetta: cosa c'entra la casa di Montecarlo

14
Amedeo Laboccetta

Un fiume di denaro, quasi mezzo miliardo di euro, una vicenda intricata dove si intrecciano slot-machines, politica, la famiglia Tulliani e la celeberrima casa di Montecarlo Un vorticoso giro di soldi per sottrarre il denaro al Fisco. Dodici gli indagati dalla procura di Roma, che ha riaperto un fascicolo avviato dai colleghi di Milano. In manette ci finiscono Francesco Corallo, arrestato ai Caraibi, e Amedeo Laboccetta, già parlamentare del Pdl a Napoli. Tra gli indagati Giancarlo e Sergio Tulliani, cognato e suocero di Gianfranco Fini.

Corallo - con un gruppo di manager italiani e stranieri e insieme a Laboccetta - è indagato per associazione a delinquere, peculato e riciclaggio di 85 milioni di euro, ovvero i tributi dovuti all'Atlantis world group of companies e dalla BPlus Giocolegale Ltd, che si era aggiudicata la gestione telematica dei giochi. Secondo l'accusa, 50 degli 85 milioni, tra il 2004 e il 2007 e poi fino al 2014, sarebbero finiti verso conti correnti esteri olandesi ed inglese di altre società del gruppo Corallo; successivamente quei soldi sono finiti verso un conto corrente di società offshore alle Antille Olandesi, sempre di Francesco Corallo. Tramite uno scambio di liquidità, si legge su Repubblica, sarebbero poi spariti dall'Atlantis altri 150 milioni transitati via Gran Bretagna e Shanghai a Saint Maarten, Curaçao, Santa Lucia e reinvestiti in attività immobiliari proprio a Saint Maarten.

Tulliani, sempre secondo gli inquirenti, avrebbe messo a disposizione del braccio destro di Carollo, Rudolf Baetse, due società offshore per poter far transitare i soldi alle Antille. Baetsen, inoltre, avrebbe finanziato l'acquisto dell'appartamento di Monaco, già di proprietà di Alleanza Nazionale, rilevato da Tulliani e poi passato da una sua societ a un'altra. Attraverso i conti di Giancarlo e Sergio Tulliani, dunque, sarebbe passato il denaro sottratto al Fisco da Corallo, pari a 2 milioni e 600mila euro, questa almeno la ricostruzione di magistrati e finanzieri.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Happy1937

    15 Dicembre 2016 - 08:08

    Molto peggio che la sola casa di Montecarlo sono le slot macgines.

    Report

    Rispondi

  • albertoperutelli

    14 Dicembre 2016 - 08:08

    Dico io, ma la contessa non aveva lasciato la casa di Montecarlo ad ALLEANZA NAZIONALE gestita a quel tempo da Gianfranco Fini? E come è possibile che lo stesso fini non sia indagato

    Report

    Rispondi

  • albertoperutelli

    14 Dicembre 2016 - 08:08

    Dico io, ma la contessa non aveva lasciato la casa di Montecarlo ad ALLEANZA NAZIONALE gestita a quel tempo da Gianfranco FINI? Chi ha dato il permesso a tale Gianfranco di venderla senza renderne conto ad A.N ? Quindi non capisco perchè non viene indagato anche Fini insieme alla moglie?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media