Cerca

La denuncia di un ristoratore

Hotel Rigopiano, l'assurda telefonata per i soccorsi: "Aiutateli", pensano sia uno scherzo

Hotel Rigopiano, l'assurda telefonata per i soccorsi: "Aiutateli", pensano sia uno scherzo

"Avevo lanciato l'allarme ma non mi hanno creduto e così i soccorsi sono arrivati in ritardo". È disperato Quintino Marcella, ristoratore a Silvi e la persona che per prima ha ricevuto gli sms con le richieste di aiuto dall'Hotel Rigopiano, travolto da una valanga mercoledì sera. A scriverglieli è stato uno dei due sopravvissuti finora alla sciagura, Giampiero Parete, che ha lasciato moglie e due figli nell'edificio. 

Primo allarme alle 17.30, via Whatsapp: "Ho ricevuto una telefonata dal mio cuoco tramite Whatsapp che era lì in vacanza con la moglie e i bambini di 6 e 8 anni. Mi ha detto: è venuta una valanga l'albergo non c'è più, sparito, sepolto. Noi siamo in due, qua fuori, chiama i soccorsi, chiama tutti". Marcella chiama subito il centro di coordinamento della prefettura e la signora dall'altra parte del telefono gli risponde così: "Guardi ho chiamato due ore fa l'albergo ed era tutto a posto". Quando il ristoratore le spiega di aver appena ricevuto la notizia dal suo cuoco, la donna non ha fatto nulla: "Non ha voluto prendere sul serio la mia versione". L'uomo ha poi chiamato in serie "118, 112, 115... ho impazzito il mondo". I soccorsi a quel punto scattano, ma sono già le 20. "Purtroppo la macchina dei soccorsi è partita con due ore di ritardo". "Io sentivo il mio amico via messaggi... continuava a dire aiuto e che gli altri sono tutti morti". Il ricordo è straziante: "Mi ha detto: Ho perso tutto. Mi auguro che Gesù sia grande e li ritrovino vivi". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Mundoki

    03 Febbraio 2017 - 11:11

    Ma non lo sapeva il Sig. Marcella che alla PROTEZIONE CIVILE DI PESCARA, per denunciare un disastro di quelle proporzioni ci vuole L'AUTENTICAZIONE NOTARILE ??? Infatti per sapere se c'è una valanga in montagna.. basta telefonare a uno che è AL MARE ! ! Che geni ! !

    Report

    Rispondi

  • In Veritas

    20 Gennaio 2017 - 12:12

    Il problema si verifica quando le attività di "Protezione Civile", a livello di coordinamento, sono delegate a burocrati impreparati. Spesso questi incapaci sottovalutano tutta quella importante fase di prevenzione, giustificando la loro inettitudine con l'accusa di "allarmismo".. manca poi anche a livello centrale un serio piano di comunicazione dell'emergenza... M.N. Nenna

    Report

    Rispondi

  • lucianosenior

    20 Gennaio 2017 - 12:12

    Ma non si potevano usare delle motoslitte per raggiungere l'hotel ???

    Report

    Rispondi

  • Piranhaottavo

    20 Gennaio 2017 - 09:09

    La Procura di Pescara irride con l'apertura di un’indagine per omicidio colposo . . sapremo fra dieci anni chi verrà imputato e graziato ! Conosciamo la canzone . . ( Aquila Docet ) dove sono stati assolti tutti gli Esperti ( ? ) pagati a peso d'oro che avevano stabilito l'agibilità della scuola crollata . . !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog