Cerca

Se questa è giustizia

Travolse e uccise una bimba di 9 anni, era ubriaco e drogato: il romeno condannato a 5 anni e mezzo

Romeno ubriaco e drogato uccide contromano una bambina di 9 anni: condanna a 5 anni e mezzo

È stato condannato a 5 anni e mezzo di reclusione il romeno che nel dicembre del 2013 aveva ucciso, in un incidente d'auto nel Nettunese, la piccola Stella Manzi, che aveva 9 anni. Daniel Domanr, il pirata della strada, all'epoca dei fatti 23enne, ubriaco e sotto l'effetto della cocaina, viaggiava senza patente e contromano quando centrò in pieno l'auto su cui viaggiava la famiglia Manzi: la mamma Giannina, le due figlie Stella e Selvaggia ed i due figliastri. Subito ai domiciliari, Domnar era poi riuscito a fuggire, finché, dopo un lungo periodo latitanza, è stato rintracciato in Irlanda. Giovedì 2 febbraio presso il Tribunale di Latina, è stata pronunciata la condanna, dopo che l'imputato ha confessato spontaneamente il reato in aula, scusandosi con la famiglia per "l'errore". Cinque anni. Solo cinque anni per tutti quello che vi abbiamo appena raccontato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • realityman17m

    04 Febbraio 2017 - 14:02

    queste cose devono capitare alle famiglie di questi giudici infami e poi vediamo ...e sarebbe ora che capitassero davvero solo a loro per tutti i graziati dalla loro stupidità e ignoranza ...stupidità che molte famiglie innocenti stanno pagando.INUTILE DIRE OMICIDIO STRADALE. UNO CHE SI DROGA E BEVE E CONSCIO DEL PERICOLO E QUINDI SI TRATTA DI OMICIDIO VOLONTARIO.

    Report

    Rispondi

  • elileo

    04 Febbraio 2017 - 10:10

    Non stupaiamoci però con indignazione se qualcuno dopo vuole farsi giustizia da sé...

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    04 Febbraio 2017 - 09:09

    Se fosse successo a mia figlia sarebbe già cremato da qualche parte

    Report

    Rispondi

  • rossini1904

    04 Febbraio 2017 - 08:08

    E magari fra benefici, riduzioni, permessi ed affidamento in prova, di galera farà solo qualche mese. A questo punto vi è qualcuno che non comprende il gesto di Fabio Di Lello, il marito che ha "giustiziato" l'assassino di sua moglie?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog