Cerca

L'inchiesta

Fini indagato, in casa di Tulliani cassaforte vuota e carte triturate

Fini indagato, in casa di Tulliani cassaforte vuota e carte triturate

Non si è stupita la Guardia di finanza quando, entrando nella casa di Giancarlo Tulliani, cognato di Gianfranco Fini ha trovato la cassaforte vuota e nessun documento. La cosa che li ha colpiti però era un sacco nero della spazzatura pieno di carte triturato con un messaggio-sberleffo: un fiocco regalo verde (come i baschi usati dai finanzieri). Uno sfregio lasciato dall'indagato - che da dicembre si è trasferito negli Emirati Arabi come altri famosi latitanti - che ora riporta il Corriere della Sera - può diventare elemento di valutazione in un'inchiesta penale.

Anche a casa della sorella Elisabetta e Fini non è stato trovato nulla di rilevante per le indagini. Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire i legami tra Corallo, il re delle slot machine, e la verità sugli affari da centinaia di milioni di euro l'anno (resi possibili dalle concessioni statali sui videogiochi non ancora revocate) e la famiglia imparentata con l'ex vicepresidente del Consiglio che aveva rapporti pregressi con Corallo ed è stato il tramite dei legami con i Tulliani, in seguito destinatari di versamenti per milioni di euro da parte dell' imprenditore. "Una ipotesi di contiguità affaristica", scrive il giudice D'Alessandro nell'ordinanza di sequestro preventivo dei beni, "tra soggetti legati personalmente a un uomo politico, con un ruolo estremamente significativo nella maggioranza di governo, e un' impresa dedita a un' attività redditizia ma patogena, e al riciclaggio internazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    17 Febbraio 2017 - 07:07

    Sfido io che non hanno trovato niente. Sono arrivati con quattro anni di ritardo!

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    16 Febbraio 2017 - 09:09

    E questo esempio di onestà e moralità è stato usato da altri pari grado, se non meglio, per abbattere berlusconi, l'ultimo democraticamente eletto. Una banda di delinquenti, sciacalli da far passare per Piazzale Loreto.

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      16 Febbraio 2017 - 22:10

      Anche se Berlusconi non mi piace, mai votato e non lo voterò, ma con tutta onestà debbo condividere con Anna 17!

      Report

      Rispondi

  • Feltrinomi

    16 Febbraio 2017 - 09:09

    Voi parlate d'altro mentre Forza Italia e PD votano il CETA !! STAMPA MARCIA!

    Report

    Rispondi

  • alby118

    16 Febbraio 2017 - 08:08

    Sarà mica in compagnia di quel " grande uomo " che risponde al nome di Samuele Landi di Eutelia ? Delinquenti che prima o poi pagheranno tutte le porcate fatte ai danni di gente onesta e perbene.

    Report

    Rispondi

blog