Cerca

Il suicidio di Lavagna

"Se potessi non rifarei la perquisizione", il pentimento del generale della Finanza Renzo Nisi

"Se potessi non rifarei la perquisizione", il pentimento del generale della Finanza Renzo Nisi

Potesse tornare indietro, il comandante della Guardia di finanza di Genova, il generale Renzo Nisi, non ordinerebbe di nuovo quel tragico blitz a casa di Giovanni Bianchi, il 16enne di Lavagna che si è lanciato dalla finestra di casa durante un controllo antidroga. Il ragazzo aveva con sé solo pochi grammi di hashish quando è stato fermato fuori da scuola. A chiamare i finanzieri era stata sua madre, anche lei pentita per quella decisione: "Conoscendo l'esito tragico di quel servizio, adesso dico che era meglio non farlo - ha detto il generale a Il Giorno -. Penserei a una soluzione alternativa, ci sto ragionando tutti i giorni".

Da militare però Nisi è sicuro di aver fatto il proprio dovere: "Se un cittadino ci chiede aiuto, dobbiamo aiutarlo nel miglior modo possibile. Nel caso del ragazzino - ricorda - siamo intervenuti con tutte le cautele del caso, presidponendo una squadra speciale per l'occasione, composta da padri di famiglia che sapessero bene come approcciare il giovane". Le polemiche però non sono mancate, a cominciare dal procuratore dei minori della Liguria, Cristina Maggia, che se contattata avrebbe sconsigliato la perquisizione: "Le decisioni vanno prese nell'arco di un attimo - si è difeso il generale - e ci appelliamo alla professionalità. Se si giudica in base al risultato, anche la vita di ognuno di noi è da rivedere".

A convincere il comandante Nisi che quell'intervento andava fatto è stata soprattutto la visita in caserma della madre adottiva, Antonella Riccardi, preoccupatissima che il figlio avesse "problemi nella vita di tutti i giorni. Lei temeva facesse uso di stupefacenti. Aveva cattive frequentazioni e andava male a scuola, mentre prima era uno dei migliori della classe ed era molto ben inserito nel tessuto sociale tra paese e calcio. Questo è stato il grido di disperazione della madre".

È lo stesso militare a far vacillare la sua prima analisi, visto che il ragazzo non sembrava proprio isolato dal mondo: "Al funerale ho visto l'enorme partecipazione per l'addio. Quel ragazzo era inserito ovunque, aveva amici, conoscenti, compagni di squadra. Non si spiega, è imponderabile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giannijonson

    18 Febbraio 2017 - 16:04

    E intanto Giovardi, Serpelloni, Fini, Beatrice Lorenzin, Gasparri e company GODONO di queste morti assai evitabili e prevedibili. Auguro loro la stessa fine che ha fatto questo ragazzo, vittima di una società fondata sull' ignoranza e sul proibizionismo.

    Report

    Rispondi

  • giannijonson

    18 Febbraio 2017 - 15:03

    E intanto Giovanardi ringrazia....... L' unico mio appunto é un bel augurio di morte a tutti i proibizionisti. Ora e sempre.

    Report

    Rispondi

  • giannijonson

    18 Febbraio 2017 - 15:03

    E intanto Beatrice Lorenzin, Giovanardi, Fini, Gasparri e tutta la loro bella compagnia ringraziano il proibizionismo e godono di queste morti. Complimenti all' Italia!

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    18 Febbraio 2017 - 10:10

    C'è sempre un trauma dentro i figli affidati che si portano dentro,come quei figli di genitori separati o divorziati,si sentono inconsapevolmente responsabili degli errori di altri.La mamma non è stata all'altezza di essere madre perchè non doveva rifugiarsi nell'aiuto del finanziere,ma in quello del marito trasmettendogli il proprio calore affettivo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog