Cerca

L'ex guatemalteco

Ingroia, alla procura di Aosta la targhetta col suo nome

La burocrazia non aspetta: nella Procura del capoluogo fa già capolino il nome del leader di Rivoluzione civile

Ingroia, alla procura di Aosta la targhetta col suo nome

Lui, l'ex pm prezzemolino col vizietto del Guatemala, continua a tentennare. Mister Antonio Ingroia non vuole andare ad Aosta. "Prima di prendere qualsiasi decisione attendo il Tar", ribadiva l'ex procuratore aggiunto di Palermo poche ore fa. Ricordiamo la vicenda: il plenum del Csm lo scorso 11 aprile lo ha "confinato" alla procura di Aosta, l'unica dove potesse esercitare poiché è la sola circoscrizione in cui non si candidò con la sua fallimentare Rivoluzione Civile. Lui, come detto, rifiuta il trasferimento. Ma la burocrazia non si piega ai piagnistei. E così, da qualche giorno, ad Aosta ha fatto capolino la targhetta sul suo ufficio, quella che potete vedere nella foto, anche se il ricorso è ancora pendenete. Ingroia spiega: "Il ricorso non è stato ancora depositato, è tutto in mano al mio legale, chiederemo al Tar una decisione d'urgenza". Ma la targhetta ha già deciso...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    28 Aprile 2013 - 17:05

    Casa Pound ha gli stessi diritti di parlare come il Leoncavallo distrugge tutto ciò che trova sul suo cammino. Piuttosto, la Legge Basaglia...........

    Report

    Rispondi

  • aleverdi

    27 Aprile 2013 - 18:06

    ma questa legge della COSTUTUZIONE la applichiamo o no?????Casa Pound?E che diritto hanno di parlare?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    25 Aprile 2013 - 12:12

    Questo ne è il degno rappresentante. Voglia di lavorare e spirito di sacrificio che tanti suoi colleghi dimostrano tutti i giorni mandando avanti la baracca già di per sé obsoleta e vacillante non lo toccano, lui vuole, anzi pretende di essere come il marchese del grillo. Se come afferma, non c'è nessuna procura che può accoglierlo, il CSM colga la palla al balzo e lo licenzi, visto che non ci sono altre soluzioni, così il bischero dovrà cercarsi un lavoro anche lui come gli altri miseri mortali.

    Report

    Rispondi

  • eldorado1711

    25 Aprile 2013 - 11:11

    Rifiuta il posto ad Aosta. ma ha rifiutato anche la busta paga ??

    Report

    Rispondi

blog