Cerca

Violenti o benefattori?

I naziskin pagano il restauro
di una guglia del Duomo di Milano

Tra gli aderenti alla campagna "adotta una guglia" anche l'associazione di estrema destra "Lealtà e azione". Il partito Repubblica: la Diocesi si vergogni

Scandalo nel cuore della città: sulla guglia l'ombra lunga degli hammerskin. E per "Repubblica" è un'infamia. Eppure hanno contribuito al restauro...
I naziskin pagano il restauro
di una guglia del Duomo di Milano

Scandalo in Duomo. O, per meglio dire, su una delle guglie del Duomo di Milano. A sollevarlo è il quotidiano La Repubblica, guarda caso proprio nel giorno in cui si commemora la Liberazione dai nazifascisti del 25 aprile 1945. Scrive il quotidiano di Ezio Mauro che una delle guglie della cattedrale di Milano porterebbe il marchio d'infamia di un'associazione di matrice fascista: tal Lealtà e azione, dietro la quale, scrive Repubblica, si nasconderebbe il gruppo degli hammerskin. Cioè, la creme dei naziskin. Accade infatti che la Veneranda fabbrica del Duomo, qualche anno fa, abbia lanciato la campagna "Adotta una guglia" per procedere al restauro delle celebri "appendici" verticali della quarta chiesa più grande d'Europa in un periodo di gravi ristrettezza economica. L'iniziativa ha raccolto vasto consenso e tanti benefattori. Tra i quali, appunto, Lealtà e azione che ha contribuito al restauro della guglia di San Vittore, situata sopra l'abside del Duomo. Per la "sponsorizzazione", l'associazione culturale ha ricevuto tanto di attestato dalla Veneranda fabbrica. Secondo Repubblica ce n'è per crocifiggere Veneranda fabbrica e Diocesi di Milano. Certo è che, forse, l'una e l'altra potevano chiedersi chi fossero questi di Lealtà e azione (e il nome doveva metterli in guardia). Finire crocifissi sui giornali per un contributo di soli 50 euro è quantomeno un peccato.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • perfido

    25 Aprile 2013 - 22:10

    Ezio Mauro, avrebbe voluto un contributo, ma da parte dei Leocavallini e, precisamente, nella "disfatta" delle guglie del Duomo e non un obolo da un'associazione di destra.

    Report

    Rispondi

  • Logmain

    25 Aprile 2013 - 19:07

    Magari per un bottegaio qualunque i soldi non hanno odore ma per la chiesa dovrebbe essere diverso. Se si poi confonde la normale destra politica con dei nazi di derivazione Ku klux klan allora non ci sono speranze.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    25 Aprile 2013 - 17:05

    Potevano provvedere al restauro loro, nessuno si sarebbe lamentato. Per il restauro del Duomo credo che possa contribuire chiunque a prescindere....

    Report

    Rispondi

blog