Cerca

Tartassati

Stangate, a luglio aumenta l'Iva
Le famiglie spenderanno 103 euro di più

Secondo le stime della Cgia di Mestre il costo complessivo del balzello costerà nel 2014 ai contribuenti 4,2 miliardi di euro

Stangate, a luglio aumenta l'Iva
Le famiglie spenderanno 103 euro di più

La stangata è ormai prossima: dal 1 luglio l'aliquota Iva del 21% salirà al 22%. Per il 2013 il costo complessivo a carico dei consumatori sarà di 2,1 miliardi di euro, dal 2014 toccherà i 4,2 miliardi, con un aggravio medio annuo che arriverà fino a 103 euro a famiglia. E' la stima della Cgia di Mestre che, ipotizzando che i comportamenti di consumo delle famiglie italiane rimangano immutati, prevede per un nucleo costituito da 3 persone un aumento medio annuo di 88 euro e nel caso di una famiglia di 4 componenti, invece, appunto di 103 euro. Visto che per il 2013 l'aumento dell'Iva riguarderà solo il secondo semestre, per l'anno in corso l'aggravio sarà la metà: 44 euro per la famiglia da 3 persone; 51,5 euro per quella da 4. 

Rincari - I rincari che peseranno di più sui portafogli delle famiglie italiane sono quelli che scatteranno per il pieno all'auto o per il meccanico o il carrozziere (33 euro all'anno per una famiglia di tre persone, 39 euro se il nucleo è composto da 4 persone), per l'acquisto dei capi di abbigliamento e per le calzature (18 euro all'anno per una famiglia di 3 persone, 20 euro se il nucleo è da 4) e per l'acquisto di mobili, elettrodomestici o articoli per la casa (13 e 17 euro). La Cgia ricorda che il passaggio dal 21% al 22% dell'aliquota Iva ordinaria non inciderà sulla spesa dei beni di prima necessità, come gli alimentari, la sanità, l'istruzione, l'abitazione ecc., tutti beni ai quali si applica l'Iva al 10% o al 4%, o non si applica affatto.

L'appello - "Bisogna assolutamente scongiurare questo aumento - sottolinea Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia - se ciò non avverrà, corriamo il serio pericolo di far crollare definitivamente i consumi che ormai sono ridotti al lumicino. Questa è una crisi economica che va affrontata dalla parte della domanda: solo incentivando i consumi interni possiamo rilanciare la produzione. Altrimenti, siamo destinati ad accentuare la fase recessiva che comporterà un aumento delle chiusure aziendali e la crescita del numero dei senza lavoro". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sentinella f

    28 Aprile 2013 - 22:10

    Evidente che devono continuare a giustificare molti sprechi e uscite senza controlli, come e chi quantifica le risorse e le spese per controllare gli accessi di migliaia di stranieri che vengono al Paese dove devono essere trattati meglio dei cittadini, spese gratis a carico degli interni, esteri, sanità, scuola, giustizia e ora anche la continuità del ministero per l'integrazione, bastava farne uno, per equità, della povertà, tanto quei pochi che lavorano devono pagare le tasse in Italia e loro si prendono le esenzioni e poi quando saremo tutti uguali creeremo il ministero degli integrati.

    Report

    Rispondi

  • amb43

    28 Aprile 2013 - 09:09

    L'aumento dell'Iva , porterà sicuramente ad ulteriore evasione fiscale ! Meditate gente, meditate.......

    Report

    Rispondi

  • eovero

    27 Aprile 2013 - 15:03

    invece di tagliare tutte quelle spese che affondano l'Italia,carabinieri ,forestali,militari,un piccolo esempio,ma ce ne sono tanti altri di sprechi,loro aumentano l'iva,che alla fine risultano altre tasse...po0vera Italia, sei un paesino...

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    27 Aprile 2013 - 13:01

    non comprare più. Non so se l'aumento si applica anche alle bollette, fra poco compreremo l'iva con una percentuale di luce, gas o telefono.

    Report

    Rispondi

blog