Cerca

Sangue

Rapina a Caserta, ucciso un Carabiniere

Nella sparatoria ferito un altro militare. Presi due dei presunti rapinatori

Un carabiniere morto e un militare dell'Arma rimasto ferito. È il drammatico bilancio di un conflitto a fuoco scoppiato tra alcuni malviventi e alcuni militari davanti ad una gioielleria di Maddaloni, Caserta. Verso le 17, almeno tre rapinatori hanno assaltato la boutique di Via Ponte Carolino armati di fucili. Una pattuglia di carabinieri, che si trovava nelle vicinanze, è interventua e pochi istanti dopo è iniziato il conflitto a fuoco. Come detto, gli spari hanno raggiunto e ucciso un carabiniere, mentre un altro è rimasto ferito. Secondo le prime indiscrezioni il gruppo di banditi era formato da due uomini e una donna, rimasti feriti nella sparatoria. Due dei presunti rapinatori sono stati però identificati e bloccati dalle forze dell'ordine. Sul luogo sono accorsi carabinieri e polizia oltre al magistrato di turno. Il militare ferito si trova adesso in ospedale ma in gravi condizioni.

Fermate due persone - Intanto, oggi domenica 28 aprile, due persone sono state identificate e fermate nell’ambito delle indagini sulla sparatoria di ieri in una gioiellerie a Maddaloni, nel casertano, nella quale è morto un carabiniere e un altro e stato ferito. I militari dell’Arma con la collaborazione della squadra mobile di Napoli, avrebbero individuato una banda di sette persone di età compresa tra i 20 e i 30 anni, della quale facevano parte i rapinatori che hanno poi ingaggiato il conflitto a fuoco con le Forze dell’Ordine

Domani l'autospia del carabiniere ucciso -  L’autopsia di Della Ratta, questo il nome del carabiniere ucciso, verrà eseguita probabilmente domani presso l’istituto di medicina legale dell’ospedale civile di Caserta. Non è stata ancora  fissata la data dei funerali del coraggioso appuntato ma è presumibile che si terranno tra martedì e mercoledì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kidwiller

    28 Aprile 2013 - 12:12

    Oggi la giustizia Italiana ha fatto un altro morto tra le forze dell'ordine, è vero che in Italia le forze dell'ordine devono essere completamente riformate, troppe duplicazioni, interferenze ecc., i nostri giudici credono e tutelano più a un delinquente che un poliziotto, anche in presenza di fatti oggettivi. Mancano specializzazioni vere di appositi reparti, gli altri dovrebbero limitarsi al primo intervento e messa in sicurezza dei luoghi, per non inquinarlo da estranei. In America per i fatti di Boston hanno impiegato 3 giorni per trovare i responsabili, sè fosse successo in Italia bisognava ancora cercare il giudice competente per il luogo o altro. Intanto un povero giovane carabiniere è caduto, se cadeva il ladro ecco accusare il carabiniere di eccesso dell'uso delle armi o altro come nel caso di Carlo Giuliani. Bisogna riformare tutto, non meritiamo tutto questo.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    28 Aprile 2013 - 10:10

    La potentissima Polizia Texana potrebbe essere la risposta ai fancazzisti di polizia,carabinieri e i cani di palazzo chigi da cui dipendono...Facciamoci adottare dal Texas !

    Report

    Rispondi

  • nehopienele

    27 Aprile 2013 - 22:10

    Vi prego, Carabinieri, Polizia, Guardie Giurate... Sparate per primi.. Questi stronzi di delinquenti di tutti i punti cardinali non hanno niente o poco da perdere... Voi si, avete delle famiglie e voi stessi !!

    Report

    Rispondi

  • Beauty

    27 Aprile 2013 - 20:08

    di cui le forze politiche (tutte, per lo meno tutte quelle che alcune priorità hanno individuato) hanno parlato (idem questo nuovo gradito presidente del consiglio) nulla ho sentito sulla delinquenza imperante, sulla violenza quotidiana non solo nelle case ma anche per le strade, nei punti commerciali e quant'altro. Anzi, al contrario, si pensa rimettere sulle strade delinquenti talvolta pluri-pregiudicati; mi chiedo: in nome di che cosa?

    Report

    Rispondi

blog