Cerca

Il Cavaliere ricuce con Mentana

"Spero torni presto in tv"

Il Cavaliere ricuce con Mentana
Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ricuce lo strappo tra Enrico Mentana e Mediaset. "Non ho mai avuto contrasti con lui", sottolinea il Cavaliere durante la trasmissione '28 minuti' su Radiodue. Anzi, "c'è sempre stata stima reciproca, consolidata da 18 anni di presenza di Mentana sulle reti Mediaset". Il fatto che Chicco Mitraglia non sia più alla conduzione di Matrix non sembra sconvolgere più del dovuto il premier, sempre troppo impegnato tra politica e affari privati. "Ho poco tempo per guardare la televisione", ha sottolineato Berlusconi, "e quindi l'assenza di Enrico Mentana da Matrix non mi manca. Però non ho mai avuto un contrasto con lui", tiene a precisare. Infine c'è spazio per gli auguri all'ex direttore del Tg5: "Spero riesca a trovare presto una nuova collocazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasc

    02 Giugno 2009 - 14:02

    Non c'è proprio bisogno del ritorno di questo bellimbusto pieno di spocchia che si crede un padreterno, il suo sostituto è migliore di lui e come giornalista Emilio Fede con molti meno mezzi lo ha spesso battuto sulle notizie importanti! Oltretutto con la storia di Eluana già ce l'avevano fatto a fette!

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    02 Giugno 2009 - 10:10

    Però,con che celerità il Giudice del lavoro,o il TAR ha sentenziato per Chicco Mentana !Lo facesse in tal modo per tutte le altre cause civili in cui incappano i comuni disgraziati...

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    02 Giugno 2009 - 10:10

    Il cavaliere,da persona educata ed intelligente com'è, gli augura di trovarsi presto un altra occupazione,più consona al personaggio speriamo,a parte che a me non frega un fico secco di quello che farà.Così lo ha servito di barba e capelli con estrema eleganza,altro che tornare a matrix..

    Report

    Rispondi

  • simoneealessio

    01 Giugno 2009 - 19:07

    Sono propro contento che Mentana non conduca più Matrix, per almeno due fondamentali motivi. In primo luogo come conduttore. Era una fatica ascoltarlo: s'impappinava ed era incapace di parlare in modo fluente e chiaro. Anche il tono ed il volume della sua voce erano diventti penosi, perchè disomogenei ed irregolari. Insomma la sua loquela lasciava molto a desiderare. In secondo luogo per la sua arroganza. Ma il sig. Mentana si credeva così onnipotente da dimenticare che era solo un dpendente? Un'azienda non statale, qualunque essa sia, ha oneri ed onori e certamente è essa stessa che decide e dispone sulla conduzione, programmazione, politica, ecc. Il sig. Mentana, da buon dipendente, non doveva fare altro che ubbidire alle direttive dell'azienda. Se queste non le condivide, se ne vada. Se vuole fare di testa sua, faccia il lavoratore autonomo e non il dipendente. Tra l'altro, essendo di sinistra, doveva ammirare la liberalità e la democraticità dell'azienda che se lo è tenuto per tanti anni retribuendolo più del dovuto. forse RAI 3 assumerebbe un conduttore di destra e gli darebbe tutta la libertà di fare in televisione quello che vuole? Distinti saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog