Cerca

Ladri agli scali

Furto di bagagli in aeroporto: arrestati 19 dipendenti Alitalia

Roma, blitz all'alba delle forze di polizia. Per altri 30 addetti alle operazioni di movimento delle valigie è stato disposto l'obbligo di firma

Furto di bagagli in aeroporto: arrestati 19 dipendenti Alitalia

Rubavano nei bagagli dei passeggeri. Con questa accusa sono stati arrestati nella mattinata di venerdì 3 maggio dalla mattina dalla Polizia diciannove dipendenti dell'Alitalia, mentre per altri 30 è stato disposto l'obbligo di firma: tutti addetti alle operazioni di movimento bagagli.  L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Lamezia Terme e diretta dal Direttore della V Zona di Polizia di Frontiera ha visto impegnati numerosi agenti di Polizia, che hanno dato esecuzione ai provvedimenti restrittivi disposti dall'Autorità Giudiziaria. 

La nota - In particolare - si legge in una nota della Polizia di Frontiera del Leonardo da Vinci - sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari 19 dipendenti Alitalia addetti alle operazioni di handling, mentre per gli altri 30 operai, sempre addetti al carico/scarico bagagli, è stata notificata la misura cautelare dell'obbligo di presentazione quotidiana alla Polizia Giudiziaria. "Misure, queste - viene spiegato - predisposte al fine di evitare la reiterazione dei reati contestati, ovvero i delitti di tentato furto e furto consumato aggravati, nonché di danneggiamento, commessi in danno degli ignari clienti della compagnia di bandiera". 

La pena - Gli autori dei furti rischiano pene fino a 6 anni di reclusione, oltre che la perdita del posto di lavoro. L'attività di indagine, oltre che agli arresti eseguiti nella capitale, ha permesso di assicurare alla giustizia altri 37 dipendenti infedeli di altre società di handling di cui si avvale Alitalia in altri scali per analoghi reati commessi in diversi aeroporti nazionali. Per il buon esito dell'attività investigativa - viene sottolineato dalla Polizia di Frontiera - "determinante è stato il ruolo della Direzione Sicurezza di Alitalia Cai, che ha collaborato fattivamente con gli inquirenti mettendosi costantemente a disposizione della Polizia Giudiziaria nelle fasi più delicate dell'indagine". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    04 Maggio 2013 - 12:12

    Il Sindacato che farà? Questi tizi saranno licenziati? Sono curioso!

    Report

    Rispondi

  • routier

    04 Maggio 2013 - 08:08

    Il primo provvedimento da prendere è il licenziamento in tronco. Per quanto attiene il processo sappiamo tutti come andrà a finire: tarallucci e vino. Sindacati e (in)-giustizia italiana provvederanno nel merito. Poi ci lamentiamo perchè la gente sceglie le compagnie straniere al posto di quella di bandiera.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    04 Maggio 2013 - 08:08

    L'affaire Alitalia fece inalberare Silvio che voleva mantenerla italiana. E-caso unico nella storia - disse che non avrebbe riconosciuto la vendita a Air France. Un deputato che si intromette come se fosse già lui il Premier. Bene..Poi la svendette ad un gruppo che aveva radunato e la congruità del prezzo fu stabilita dai compratori!!!! Regali di coinveniernza politica.Oggi perde soldi, ha venduto agenzie turistiche, scali, società di complemento.Un vero fallimento targato Berlusconi. Piu' 2000 disoccupati. Poteva, come fu stabilito, chiamarsi Alitalia -Airfrance.Ma

    Report

    Rispondi

  • Gios78

    03 Maggio 2013 - 23:11

    Chissà cosa diranno all'estero di noi italiani. ''Evitate gli aeroporti perchè vi rubano i bagagli''. Bella pubblicità...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog