Cerca

Stereotipi

G7 di Taormina, coppola e macho latino nella app per i giornalisti

1
G7 di Taormina, coppola e macho latino nella app per i giornalisti

Lui ha la coppola in testa, le bretelle e la sigaretta penzolante dalla bocca. Guarda, di sbieco e con fare macho, una bella ragazza di rosso vestita, con una specie di foulard-bandana in testa e un ombrellino parasole di pizzo. Fa un po' la preziosa, ma si capisce che è lusingata dalle attenzioni di lui. Il quadretto non è il poster per l'uscita de Il Padrino-parte quarta (che non esiste e si spera non lo facciano mai visto lo schifo che fu il terzo episodio della saga mafiosa anni '70-'80), ma la locandina che appare sulla app del governo sulla quale i giornalisti, gran parte dei quali saranno stranieri, possono accreditarsi al G7 che si terrà a Taormina il 26 e 27 maggio. Mancavano solo il mandolino, la pizza e un piatto di spaghetti e il quadretto da Italia anni '50 era completo di tutti gli stereotipi italici e siciliani in particolare che tanta fortuna hanno fatto per il nostro Paese 50 anni fa e che tanto male fanno oggi. Il "maschio latino" e la bruna dagli occhi bassi, naturalmente, si sono guadagnati un coro di "buuuu" sui social, dove il premier gentiloni è stato preso di mira da post tra l'indignato e l'ironico. Tipo quello di Elvira Terranova, che su Twitter scrive "Caro presidente @PaoloGentiloni, ma davvero pubblicizzate #G7 di #Taormina con questa foto con l'uomo con la coppola?"

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • totano54

    12 Aprile 2017 - 00:12

    Che schifo... chissà poi cosa sara costata questa "cagata pazzesca"

    Report

    Rispondi

media