Cerca

Previsioni nere

Immigrati contro italiani: il sorpasso, l'anno in cui saranno uno su tre

1
Immigrati contro italiani: il sorpasso, l'anno in cui saranno uno su  tre

Saremo sempre meno, più vecchi, più longevi, soprattutto al Nord. Tra mezzo secolo l'Italia avrà una faccia diversa e gli immigrati la faranno da padroni.  Secondo l'ultimo report dell'Istat, Il futuro demografico del Paese, nel 2065 "spariranno" sette milioni di italiani. Come analizza Il Giornale se adesso siamo 60,7 milioni, nel 2045 la popolazione passerà a 58,6 milioni per calare fino a 53,7 milioni appunto nel 2065.

Le future nascite non saranno sufficienti a compensare i decessi. Nonostante sia previsto un recupero della fecondità (da 1,34 figli per donna nel 2016 a 1,59 entro il 2065), questo non basterà a determinare un numero di nati che risulti, anno dopo anno, sufficiente a riequilibrare l' aumentato numero dei defunti. L'età media degli italiani si alzerà dagli attuali 44,7 anni agli oltre 50 nel 2065. La vita media degli uomini andrà da 80 a 86 anni e per le donne dalla media odierna (di 84,6) ad oltre 90 anni. Un popolo sempre più anziano, dunque, che si concentrerà a vivere al centro-nord, questo perché il Sud si svuoterà progressivamente.

Gli immigrati saranno determinanti. Sebbene il livello degli arrivi scenderà dalle 300mila unità alle 270mila unità annue entro il 2065, si prevede che in questo lasso di tempo arriveranno da noi 14,4 milioni di individui. Che sommati agli oltre 5 milioni di immigrati attualmente nel nostro Paese, si prevede che il 37 per cento della popolazione sarà composto da stranieri: più di uno ogni tre abitanti. Chi saranno? Gli arrivi riguarderanno Nigeria (21 per cento), Eritrea (12 per cento), Guinea, Gambia, Costa d' Avorio (7 per cento) e Senegal (6 per cento). 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    28 Aprile 2017 - 09:09

    Per fare due conti, non serve un genio. Se consideriamo l'emigrazione dei giovani, e non solo vedi ad es. i pensionati, italiani e il ritmo di invasione degli "immigrati"....il conto è facile e non servono 50 anni!

    Report

    Rispondi

media