Cerca

La strage di Milano

Strage col piccone, morto il pensionato
Il clandestino; sentito delle voci
Sarà chiesta la perizia psichiatrica

Strage col piccone, morto il pensionato
Il clandestino; sentito delle voci
Sarà chiesta la perizia psichiatrica

 

C'è la terza vittima del ghanese che sabato scorso ha seminato il terrore al quartiere Nigurada, alla perfieria di Milano. La vittima è il 64enne Ermanno Masini ricoverato nel reparto di neurorianimazione del Policlinico. Masini era originario di Lama Codogno, provincia di Modena, il suo ferimento era avvenuto poco dopo le 6,20 quando Kabobo aveva già aggredito due persone e tentato di aggredirne un'altra. L'aggressione di Masini è stata la prima delle tre più  violente che hanno portato alla morte immediata di Alessandro Carole, 40 anni. Ieri non ce l'ha fatta neanche Daniele Carella, 21 anni, colpito alle spalle mentre scaricava giornali assieme a suo papà. 

L'interrogatorio del clandestino - Intanto ieri Mada Kabobo, il ghanese di 31 anni ha parlato nel suo interrogatorio di garanzia avvenuto nel carcere di San Vittore dove il clandestino è rinchiuso. "Sentivo voci cattive. L'ho fatto perché sentivo queste voci. Ho dormito in una stazione dei treni quando mi sono svegliato una voce mi ha detto "Vai ". Il gip Ghinetti ha convalidato il suo arresto. Kabobo parla solo il dialetto del suo paese e non è in grado di esprimersi in un inglese pienamente comprensibile. Kabobo ha un ricordo generale dei fatti ma quando gli è stato chiesto di ricordare particolari di ogni singolo episodio, ha risposto di non sapere, di non ricordare. Al momento gli vengono contestati i reati di omicidio, tentato omicidio e rapina perché ad alcune delle vittime avrebbe sottratto il cellulare. Non è escluso che nei prossimi giorni venga per lui richiesta una perizia psichiatrica. Kabobo il giorno dell'arresto era riuscito solo a dire di avere fame, di non dormire da tempo e di non aver un posto dove andare. 

Il papà e il fratello - Ed è proprio sulla possibilità che il clandestino venga dichiarato malato o che in qualche modo Kabobo torni il libettà che il papà di Daniele, senza più lacrime da piangere, dice: "Quando penso alla bestia che lo ha ucciso, spero che lo lascino in pensione e buttino la chiave. L'importante è che non sostengano che è pazzo e che lo facciano uscire tra tre anni". Papà Savino ha visto uccidere Daniele sotto i suoi occhi, ha visto Kabobo accanirssi sul suo cranio fino a spezzare il manico del Piccone. Christian, gemello di Daniele, non regge il dolore: "Sono morto anche io, ma fineché io vivrò lui vivrà con me. Realiozzerò i suoi sogni. Farò la patente della moto. STatò vivino al nostro fratellino di 13 anni che è un cucciolo". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    17 Maggio 2013 - 23:11

    Che gli dicevano dai,che dall'Italia non te ne vai più.....

    Report

    Rispondi

  • routier

    17 Maggio 2013 - 08:08

    Siamo d'accordo: Kabobo è un pluriassassino,ma coloro che lo difendono o in qualche modo lo giustificano che cosa sono?

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    15 Maggio 2013 - 11:11

    A questo assassino è stato consigloiato a dichiarare di sentire le voci per tenerlo ancora nel nostro amato Paese visto che se si dovesse rispedire al suo sarebbe subito soppresso. Non è uno schizzofrenico è un delinquente e delinquenti sono quelli che proteggono chiunque, e che peste li colga. Visto che è tanto amato dalla Boldrini e dalla Kienge non mandatelo in carcere ma fatelo ospitare da una delle due o da Pisapia. Una cosa non capisco queste persone che amano i clandestini perchè non vanno a casa loro e ci restano?

    Report

    Rispondi

  • giopen

    15 Maggio 2013 - 08:08

    Come volevasi dimostrare. Questo delinquente assassino passerà per matto, dovremo mantenerlo, probabilmente anche libero, perchè altrimenti siamo dei razzisti. Non so se potrò, ma sto pensando di lasciare questo paese a costo di andare a rifugiarmi in uno di quei paesi da noi tanto criticati per mancanza di giustizia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog