Cerca

Magagne rosse

Mps, perquisizioni in Italia e Svizzera:
è caccia alla banda del "5 per cento"

Le Fiamme Gialle alla ricerca delle prove per inchiodare la "banda del 5 per cento". La procura chiude il fascicolo sul suicidio di David Rossi

Il Monte dei Paschi di Siena

Il Monte dei Paschi di Siena

 

Decine di perquisizioni sono in corso da parte della Guardia di Finanza in numerose città italiane. I provvedimenti sono stati disposti dalla procura di Siena nell'ambito dell'inchiesta Mps. Le fiamme gialle stanno battendo pure la Svizzera a caccia di prove per in chiodare i vertici del banco senese.Intanto si avvia verso la chiusura l'inchiesta della Procura di Siena sul suicidio di David Rossi, l'ex capo dell'area comunicazione di Banca Mps che il 6 marzo scorso si tolse la vita gettandosi dalla finestra del suo ufficio dalla sede di Rocca Salimbeni. Secondo quanto si apprende da fonti giudiziarie, però, la chiusura formale del fascicolo viene rimandata. Nello stesso fascicolo ci sarebbero infatti degli atti  che riguardano l'inchiesta su Antonveneta, ancora coperti da segreto. Le perquisizioni, ancora in corso riguardano il filone delle indagini relative alla cosiddetta 'banda del 5%'. Della banda farebbero parte, secondo l'accusa, i funzionari e dirigenti che avrebbero chiesto 'tangenti' del 5% sulle operazioni finanziarie. Lo scandalo si allarga. La banca rossa trema. Il Pd pure? (I.S)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aresfin

    aresfin

    16 Maggio 2013 - 23:11

    Avanti fino in fondo! Speriamo! Se tutto sarà trasparente, allora verranno presto fuori i nomi dei politici PD coinvolti!

    Report

    Rispondi

  • pinco

    16 Maggio 2013 - 22:10

    Duplice omicidio all'alba di giovedì in un bar di Casate, una frazione di Bernate Ticino (Milano). Davide Spadari, 36 anni, di Buscate, ha ucciso a colpi di pistola i suoi datori di lavoro, padre e figlio: Rocco Brattalotta, 47 anni, di Turbigo, e Salvatore di 22. Padre e figlio organizzavano una squadra di operai per conto di una ditta di Salerno impiegata nei lavori della metropolitana 5. Tra i lavoratori c'era anche Davide Spadari. Il sindaco di Bernate Ticino, del PDL, è un fascista che non sa proteggere i suoi cittadini!

    Report

    Rispondi

    • Claudio Brigliadori

      16 Maggio 2013 - 22:10

      http://www.liberoquotidiano.it/news/1243078/Milano__spara_agli_ex_datori_di_lavoro__due_morti.html

      Report

      Rispondi

  • gosel

    16 Maggio 2013 - 21:09

    Ancora un po che aspettano a fare perquisizioni al MPS non trovano più nemmeno la carta igienica. Eh già ma sono tutti impegnati a fare il culo a Berlusconi perchè è lui il delinquente che scopa mica i ladroni di sinistra che si fregano il denaro pubblico alla faccia dei contribuenti e dei risparmiatori! Questa (in)giustizia è una vergogna d'altra parte con quella faccia da Boccassini.....

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    16 Maggio 2013 - 18:06

    Condannare gli ultrasettantenni che si vantano di trombare, lasciare in libertà chi ha il foglio di via. Tanti trucchi e bugie per nascondere i buchi rossi. Siete Tutti bu'aioli se volete vi paghiam! Asvedommia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog