Cerca

Il commento di Mario Giordano

Giustizia, se sei rom e uccidi hai diritto alle attenuanti

Ammazzò un vigile a Milano, i giudici: è cresciuto in ambienti difficili. Pena scontata, e ora faranno lo stesso col picconatore

Giustizia, se sei rom e uccidi hai diritto alle attenuanti

Remi Nikolic, il rom che nel 2012 uccise il vigile Nicolò Savarino a Milano

 

di Mario Giordano

Sei uno sbandato? Attenuante generica. Vivi in una famiglia di ladri? Attenuante generica. Rubi? Attenuante generica. L’unica scuola che conosci è quella del crimine? Attenuante generica. Il tribunale di Milano ci ha finalmente chiarito la sua visione del mondo: il delinquentello che vive ai margini della società va capito e aiutato, il cittadino  normale che ogni mattina timbra il cartellino e lavora tutto il giorno, senza rubare, per dire, nemmeno un portafogli, al contrario va trattato con massima severità.  Vi pare strano? Invece è proprio così, parola di giudice: una vita vissuta negli illeciti è un’attenuante generica. Una vita vissuta nel rispetto delle legge,  di conseguenza, diventa un’aggravante specifica. Ma come? Vi presentate al giorno d’oggi senza aver mai borseggiato una vecchietta? Senza nemmeno un po’ di spaccio? Senza aver massacrato di botte qualcuno? Come vi permettete? Sembra un paradosso, invece è una sentenza: ricordate il vigile di Milano ucciso nel gennaio 2012? Stava facendo normali controlli alla Bovisa quando venne travolto da un Suv che lo trascinò per 200 metri, avanti e indietro con gli pneumatici da neve sul cadavere, senza nessuna pietà. Alla guida c’era un rom, Remi Nikolic, allora diciassettenne, che fuggì a tutto gas, facendo  perdere le sue tracce: lo trovarono in Ungheria tre giorni dopo. Mai dato segno di rimorso, mai dato segno di pentimento. Anzi: i giudici sottolineano  che è  sempre stato «freddo, reticente e mendace». Però poverino è cresciuto in un campo rom, «in un contesto familiare caratterizzato dalla commissione di illeciti» e dalla «totale assenza di scolarizzazione». Dunque, poche storie: merita le attenuanti generiche. Ergastolo (come meriterebbe)? Macché. 26 anni (come aveva chiesto il pm)? Neppure. E allora? 15 anni. Proprio così: 15 anni. Ridurre un vigile a una polpetta passandogli e ripassandogli sopra con l’auto merita una condanna che, considerati i permessi premio, la buona condotta, varie ed eventuali, fra qualche anno lo porterà a girare di nuovo liberamente per la città. Magari alla guida di un Suv.


Leggi il commento integrale di Mario Giordano
su Libero in edicola oggi, venerdì 17 maggio

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Pasmim

    22 Maggio 2013 - 08:08

    se il giudice che dice simili minchiate un giorno un bel grupo di rom lo acchiappa e lo sodomizza credo cambierà repentinamente idea. oppure dirà, dolorante e sanguinante e magari dopo aver contratto qualche malattia, poverini sono cresciuti delinquendo e nel degrado...

    Report

    Rispondi

  • Ricky65

    17 Maggio 2013 - 18:06

    Considerando lo sconto di pena e le motivazioni mi verrebbe da domandare a loro signori ( gli scontatori) se : ci sono o ci fanno?

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    17 Maggio 2013 - 17:05

    perché con questa giustizia se non sei razzista lo diventi.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    17 Maggio 2013 - 16:04

    pericolosissime idiozie perche' il segnale e' che questi animali possono ammazzare e rubare tanto non gli fanno niente. Scemenza pura, questi se ne fragano del Paese civile ma vogliono portare gli Italiani ad emigrare cosi' ci saranno solo gli stranieri dall'africa e altri posti simili. Tutti poveri ma che rubano e si ammazzano fra di loro. E gli Italiani se ne vanno all'estero.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog