Cerca

Colpito da Preiti

Migliora Giangrande: "Condizioni cliniche soddisfacenti"

Il militare ha riacquistato la completa capacità di respirazione autonoma ed è alimentato per via naturale

Migliora Giangrande: "Condizioni cliniche soddisfacenti"

Martina Giangrande

 

Migliorano le condizioni di salute del Brigadiere dei Carabinieri Giuseppe Giangrande, rimasto ferito nella sparatoria davanti a Palazzo Chigi. A dieci giorni dal ricovero nella struttura riabilitativa di Montecatone, a Imola, nel bolognese, il paziente ha gradualmente riacquistato la completa capacità di respirazione autonoma senza necessità di ausili tecnologici, pur mantenendo al momento la cannula tracheostomica; è in grado di parlare ed è alimentato per via naturale. Le condizioni cliniche generali sono soddisfacenti. 

Dieci giorni fa il ricovero - La nota della struttura sanitaria con l'evoluzione delle condizioni di salute del brigadiere, firmata dal direttore sanitario Roberto Pederzini, è stata diffusa a dieci giorni dal ricovero nell’Ospedale di Montecatone, come concordato con il paziente stesso ed i familiari. Il trattamento riabilitativo in Terapia Intensiva è stato focalizzato alla funzione respiratoria - si legge ancora nel bollettino - alla mobilità passiva ed alla prevenzione di complicanze. E' programmato per la prossima settimana il trasferimento nell’Unità Sub Intensiva con previsione di intensificare l'attività riabilitativa. Rimane riservata la prognosi riabilitativa

La campagna di Libero - Subito dopo la tragedia che ha colpito il brigadiere Giangrande, Libero ha lanciato una campagna di raccolta fondi per aiutare economicamente la famiglia Giangrande. Le sottoscrizioni sono ancora aperte, qui le informazioni per chi volesse contribuire.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francoruggieri

    17 Maggio 2013 - 21:09

    Continuiamo a pregare. Ma,insisto: perché non si lancia una sottoscrizione anche per il carabiniere ucciso a Maddaloni? Anche lui stava facendo il proprio dovere ed è stato ucciso non da uno che, sostanzialmente è uno squilibrato (si era addirittura rovinato al gioco), ma da uno che si sospetta abbia agito per terrorismo. Libero lanci anche questa sottoscrizione!

    Report

    Rispondi

blog