Cerca

Violenza sulle donne

Le spara poi la getta dall'auto
In manette un genovese: lei è grave

Era già ferita al torace la quarantenne cubana quando è stata gettata fuori della vettura e raggiunta da un ultimo colpo

 

L'ha prima spinta fuori dall'auto poi le ha sparato alla schiena. Un'altra donna vittima di un uomo violento, un'altra storia d'amore finita nel sangue. Protagonisti questa volta sono una quarantenne cubana, ricoverata ora in ospedale in gravissime condizioni, e un genovese di 58 anni anni che questa mattina alle 8,10 in via Biga, a Marassi, ha colpito con tre colpi di pistola la sua compagna.  

La fuga - Bruno Calamaro, un piccolo imprenditore senza precedenti penali, è stato arrestato con l'accusa di tentato omicidio dopo una breve fuga terminata in piazza Corvetto, in centro. Il fermo è stato effettuato da personale della polizia municipale che aveva raccolto la nota di ricerca diramata dai carabinieri. I numerosi testimoni del fatto avevano riferito il modello della vettura (una Fiat Multipla) e una parte della targa. Secondo quanto appreso Yamila Gonzalez, madre di un bambino, era già ferita al torace quando è stata gettata fuori della vettura e raggiunta da un ultimo colpo. Tre in tutto i proiettili con cui è stata ferita. Quindi l'aggressore si è dato alla fuga, liberandosi dell'arma, una calibro 9 semiautomatica. I militari hanno già recuperato la pistola. La donna, in codice rossa, è stata portata all'ospedale San Martino dove è stata sottoposta ad un intervento chirurgico. All'origine del tentato omicidio ci sarebbero motivi passionali. In via Biga, dove è avvenuto il fatto, i carabinieri hanno recuperato alcuni bossoli sparati dall'uomo.

La confessione - "Le ho sparato. Ero geloso di lei. Mi tradiva. Le avevo anche dato dei soldi...". Di fronte al pm l'uomo ha ammesso le sue colpe. L’imprenditore, interrogato al comando provinciale dei carabinieri, ha riferito di essere andato a prendere la donna per portarla al lavoro. Era però armato, aveva preso la pistola al padre, un’arma regolarmente registrata.  Al culmine di un lite ha estratto l'arma e le ha sparato. Poi l’ha fatta cadere fuori della sua auto e le ha sparato ancora un colpo, tentando infine una fuga impossibile. Calamaro è stato arrestato per tentato omicidio pluriaggravato. E’ stato trasferito nel carcere di Marassi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOSCANOROSSO

    24 Maggio 2013 - 10:10

    Smettete di usare il termine "uomo" per questa gente. Essere un uomo è davvero una cosa molto diversa da chi non trova di meglio che fare il male, quando capisce di non contare una beata minchia. Io non posso accettare di essere un uomo se sono uomini anche costoro. Chiamateli disperati, chiamateli plagiati da una società schizzofrenica, chiamateli come volete, ma non uomini!

    Report

    Rispondi

blog