Cerca

Due pesi due misure

A Milano le toghe archiviano 1.002 delle 1.532 indagini su donne maltrattate. E si pensa solo a Ruby

I numeri sono dell'associazione "Casa delle donne maltrattate di Milano" e si riferiscono al 2012. Ma quando c'è da processare Silvio...

Ilda Boccassini

Ilda Boccassini

Su 1.545 iscrizioni nel registro degli indagati per denunce di maltrattamento in famiglia ben 1.032 sono state oggetto di richiesta di archiviazione da parte dei Pm della procura di Milano. La denuncia è della Casa delle donne maltrattate di Milano (Cadmi). I numeri, impietosi, si riferiscono al 2012. Le toghe meneghine, insomma, vista l'obbligatorietà dell'azione penale, aprono l'indagine, per poi chiudere frettolosamente il fascicolo e archiviare tutto, con buona pace delle centnaia di donne che solo a Milano, ogni anno, sono vittime di maltrattamenti tra le mure domestiche.

Due pesi due misure - Per perseguire Silvio Berlusconi, però, il tempo si trova sempre: basta scorrere l'elenco, interminabile, di indagini a suo carico. Eppure, secondo la punta di diamante della procura di Milano Ilda Boccassini, Berlusconi si sarebbe approfittato dell'allora minorenne Ruby, reato che rientra a pieno titolo nella categoria di reati di violenza sulle donne. Tralasciando il fatto che la ragazza marocchina Ruby fosse consenziente e, soprattutto, che avesse mentito sull'età dichiarandosi maggiorenne, rimane una domanda. Per quale motivo i vari signor Rossi che violentano, maltrattano e sfruttano le proprie donne, grazie all'indifferenza della Procura di Milano, rimangono beatamente a piede libero, mentre se l'imputato si chiama Berlusconi le stesse toghe scattano come la rana di Galvani alla scossa elettrica imbastendo teoremi giudiziari senza capo ne coda?

La missione di Ilda - La risposta è nella domanda: l'imputato è Silvio Berlusconi. Viene da chiedersi, a questo punto, quale sia la natura del compito dei magistrati di Milano: se quello di amministrare la giustizia nel nome del popolo italiano o quello di condannare, a tutti i costi, il leader di un partito, il Pdl, che rappresenta un terzo degli italiani. Ognuno si dia la risposta che crede. La risposta alla domanda di giustizia di tutte quelle donne vittime di abusi all'interno della propria famiglia la diano invece i giudici di Milano. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vecchiodeluso

    25 Maggio 2013 - 14:02

    sostenitrici della famiglia classica inseguono solo l'uomo.

    Report

    Rispondi

  • atlantide238

    25 Maggio 2013 - 14:02

    a prescindere da ogni altra considerazione....AMMAPPELO QUANTO E' BRUTTA LA PSEUDO MAGISTRATO !!! Forse per questo e' anche cosi' cattiva!

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    25 Maggio 2013 - 12:12

    Fino a quando non ci sarà una legge per questa casta di gentaglia ( non tutti fortunatamente )ladre parassitaria, bastarda, immorale, pur essendo servitori dello Stato ??? nulla cambierà, ...poi non lamentatevi se succedono reazioni .. color sangue,se la sono cercata ..auguri Donna Bocassini ..non sei vitimama sei carnefice, torquemada è stato nulla confronto a te

    Report

    Rispondi

  • arwen

    25 Maggio 2013 - 12:12

    Ma se la procura stessa si è vergognata di farla testimoniare in aula. Ruby, vittima? E di che? Maltrattamenti? Ma come si può fare un paragone tra una ragazza che viaggia a tariffe di 3000 euro e donne maltrattate o aggredite da compagni, amanti e affini? Ruby non è una vittima, come il Berlusca non è un orco. Un processo così imbecille, e così costoso, solo in Italia poteva essere celebrato, ovvero in un paese dove i PM non devono rendere conto a nessuno di ciò che fanno e spendono. Intanto, chissà quanti processi veri ed urgenti avranno dovuto segnare il passo per lasciare strada libera alle scalmane politiche della Magistratura che, il suo lavoro non lo sa fare, però in politica si dà un gran daffare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog